Skip to content
Vichingo.top

Armi vichinghe

Le armi vichinghe sono un soggetto che continua a suscitare interesse secoli dopo il declino dell’età vichinga. Se i vichinghi sono noti per qualcosa, è per essere stati feroci guerrieri.

Le loro prestazioni in combattimento hanno permesso a questo popolo nordico di mettere in scacco le grandi nazioni d’Europa. Ma le vittorie non venivano solo dal coraggio, perché le armi dei vichinghi erano precisamente orientate alle loro tattiche di saccheggio e di battaglia.

 

Com’erano le armi vichinghe?

Come sappiamo, l’epoca vichinga si svolse nel Medioevo, tra l’ottavo e il tredicesimo secolo. Non troveremo tra le armi vichinghe grandi progressi rispetto a quelle dei loro contemporanei. Fondamentalmente, erano armi da mischia e da lancio.

armi vichingue

In una società medievale e pericolosa come quella dei vichinghi, portare armi era quasi una necessità. Saccheggi inaspettati, scontri tra clan e bestie selvatiche erano ragioni più che sufficienti per essere armati. Ecco perché i vichinghi portavano sempre le armi con loro e dormivano con esse accanto al letto, appese al muro.

 

Armi vichinghe

Anche se in alcuni casi gli jarl o i capi vichinghi pagavano l’armamento dei loro guerrieri, gli uomini liberi di solito pagavano le proprie armi. Infatti, portare un’arma era considerato un diritto fondamentale ed era un simbolo dello status di ogni abitante. Ecco perché troviamo armi così decorate con incisioni e intarsi di oro, argento o pietre preziose.

Tutti gli uomini avevano familiarità con il maneggio delle armi da quando erano bambini. Tuttavia, la maggior parte di loro non erano guerrieri professionisti, ma contadini organizzati in clan.

Come fare braccialetti con il nodo celtico?

In linea di principio, le donne non maneggiavano armi se non in casi di necessità. Attaccare un uomo disarmato era considerato disonorevole, e poiché le donne erano disarmate, qualsiasi aggressione era considerata una grande macchia sul loro onore. Anche se molto insolito, sono state trovate armi nelle tombe di alcune donne vichinghe.

 

L’ascia vichinga

La tipica immagine vichinga è sempre accompagnata da un’ascia da battaglia. Le asce vichinghe erano un’arma economica, comune e versatile, poiché potevano essere utilizzate per i lavori agricoli.

C’erano diversi tipi di asce vichinghe:

  • Piccoli o a una mano, che erano accompagnati da scudi.
  • Asce da lancio, che venivano portate alla cintura fino al momento del lancio.
  • Armi grandi o a due mani, devastanti, ma che portavano un grande rischio di non essere protetti ad ogni colpo.

 

La spada vichinga

L’arma preferita, inseparabile da ogni vichingo che poteva permetterselo. Le spade erano forgiate in acciaio e venivano usate per tagliare piuttosto che per spingere. Per questo motivo, la lama era molto affilata rispetto alla punta.

La maggior parte delle spade erano dritte, a lama singola con un doppio taglio e lunghe circa 90 centimetri. Erano portate in vita in un fodero di cuoio. Le spade vichinghe erano decorate secondo il potere d’acquisto dei loro proprietari. Alcune di queste armi vichinghe erano famose e avevano il loro nome.

Odino, il dio vichingo della guerra e della saggezza

Coltelli vichinghi

In caso di perdita della spada durante la battaglia, il coltello era la migliore risorsa. Per molti vichinghi meno ricchi, i coltelli erano l’arma principale. Nelle fasi di combattimento a chiave, coltelli e pugnali permettevano una maggiore libertà di movimento.

 

Lance vichinghe

Come tutti i guerrieri del loro tempo, i vichinghi usavano le lance. Era un’arma particolarmente comune tra i più poveri dei poveri. Da un lato c’erano lance leggere progettate per essere lanciate. D’altra parte, c’erano lance più pesanti per il combattimento ravvicinato e muri di scudi.

Le punte di lancia vichinghe avevano una varietà di forme. Alcuni sono stati reed per rendere difficile rimuovere la carne da una vittima, mentre altri sono stati progettati per piegare o rompere quando hanno colpito un bersaglio. In questo modo venivano resi inutili a chi riceveva il lancio.

Ma per le lance pesanti era importante avere delle armi trasversali che impedivano all’arma di incastrarsi nelle vittime. È difficile immaginare qualcosa di peggio per un lanciere che essere disarmato nel mezzo del campo di battaglia.

 

Archi vichinghi

Il lancio di proiettili era una caratteristica molto comune del combattimento vichingo. Gli archi erano il mezzo migliore per colmare la distanza tra le navi e le protezioni delle mura. I vichinghi avevano archi di diversi tipi, come archi corti e lunghi. Una faretra poteva contenere fino a quaranta frecce.

Vichinghi in Groenlandia

È interessante notare che sono state riprese dalla vita, non dall’altezza degli occhi. Le punte fini erano usate per perforare la cotta di maglia, mentre le punte larghe erano progettate per rendere difficile l’estrazione.

Non è chiaro che ci fossero guerrieri specializzati nel tiro delle frecce. I vichinghi probabilmente sparavano con i loro archi nelle prime fasi della battaglia, prima di caricare con le loro armi a lama in formazioni ravvicinate.

 

Dalle armi vichinghe… alle protezioni!

Non si può partecipare a una battaglia e vivere per raccontarla se non si hanno le difese adeguate. Anche se nell’immaginario collettivo i vichinghi sono ritratti come se andassero in battaglia a torso nudo, la verità è che questi antichi nordici avevano una protezione.

Elmo vichingo

La testa è una delle parti più delicate del corpo umano, eppure gli elmetti erano attrezzature costose. Per questo motivo, molti vichinghi andavano in battaglia con la testa scoperta. I più ricchi ordinavano elmi molto semplici, di forma conica e con una striscia di metallo che copriva il naso.

Tuttavia, come le armi vichinghe, l’elmo era anche un simbolo di ostentazione. Per questo motivo, i più ricchi incidevano ornamenti sui loro elmi. La credenza popolare che gli elmi vichinghi avessero corna è stata dimostrata assolutamente falsa.

 

Scudo vichingho

vichingo guerra

Uno dei più grandi simboli dei vichinghi sono i loro scudi rotondi. Lo scudo vichingo era tradizionalmente circolare, un metro di diametro e fatto di legno con un pezzo di metallo al centro per proteggere l’elsa. Alcuni erano dipinti con i colori del rispettivo clan del portatore.

Nomi vichinghi, nomi con molto significato

Verso il X secolo si cominciò a usare un altro disegno di scudo, a forma di aquilone: largo e curvo nella sua parte superiore e finito con un picco nella sua parte inferiore.

 

La armatura vichinga

Il cappotto di posta era un indumento costoso ed elaborato. Per questo motivo, solo i più ricchi potevano permettersi questa protezione. Questo è attestato dai resti trovati nelle tombe. Pesavano tra i 10 e i 12 chili, il che contraddiceva lo stile di combattimento dei vichinghi. Per ridurre il loro peso, molti non avevano maniche e arrivavano solo alle ginocchia.

Di conseguenza, la maggior parte dei guerrieri indossava una corazza di cuoio o di pelliccia. Più economici e più leggeri della cotta di maglia, erano la protezione abituale.

 

Armi d’assedio vichingh

Con il passare degli anni, i vichinghi osarono attaccare città più grandi e meglio presidiate. Superare le alte mura di Parigi e di altre città richiedeva armi d’assedio, e i vichinghi le usavano.

Le cronache descrivono come i nordisti usavano catapulte, baliste e torri d’assedio. Questi erano i limitati metodi tradizionali per cercare di abbattere le fortificazioni più inespugnabili durante l’Alto Medioevo.