Skip to content
Vichingo.top

Ascia vichinga: l’arma preferita dei vichinghi

I guerrieri vichinghi utilizzavano una vasta gamma di armi, ma senza dubbio l’ascia è l’arma più caratteristica di questo popolo nordico . Oltre ad essere iconica, l’ascia vichinga era una risorsa sorprendentemente versatile.

C’erano diversi tipi di asce vichinghe, a seconda della loro maneggevolezza e design. In ogni caso i materiali erano sempre gli stessi: legno per il manico e ferro per la lama . A volte la lama aveva una sottile striscia di acciaio sul bordo. Il pezzo di metallo aveva un anello attraverso il quale veniva inserito il bastone.

Tipi di asce vichinghe

In un’epoca in cui quasi tutto era in legno, la varietà dei modelli di asce non sorprende . Questo strumento serviva per costruire barche, case o automobili, tra un’infinità di oggetti. Ma il suo uso si estese anche al campo di battaglia.

Poiché i cavalli erano molto costosi da mantenere e difficili da trasportare, i guerrieri vichinghi erano praticamente tutti di fanteria . Questo, insieme alla frequenza delle collisioni, spiega in gran parte l’abbondanza di assi nei reperti archeologici dei Vichinghi.

Tipologia e utilizzo delle asce vichinghe nel tempo.

L’altro motivo principale era la sua produzione economica. Fare asce era molto più economico che forgiare spade vichinghe , quindi i guerrieri meno ricchi avevano l’ascia come arma preferita. Inoltre, alla fine sono andati a combattere con qualsiasi oggetto avessero a portata di mano, come gli attrezzi agricoli.

Ascia vichinga

Accompagnata dal caratteristico scudo rotondo, quest’arma era molto pratica. Ideale per dividere gli scudi o mettere fuori combattimento un nemico in un colpo solo.

Tra le asce a una mano dobbiamo evidenziare l’ ascia normanna , che è probabilmente la più caratteristica dei Vichinghi e la più rappresentata nell’arte. Ha un manico lungo, circa un metro, e una sporgenza sulla lama. Questo tipo di dente era molto utile per l’arrampicata durante l’imbarco sulle navi.

Lo  skeggöx o “ascia barbuta” ha anche quel caratteristico uncino all’estremità della lama. Viene citato frequentemente nelle saghe ed è stato ritrovato in numerosi reperti archeologici.

L'attacco vichingo a Lindisfarne

Ascia danese o a due mani

C’erano guerrieri che andavano in battaglia con un’ascia a due mani. Ovviamente, quando usavano quest’arma ottenevano una spinta offensiva devastante ma erano più esposti a ricevere colpi. Per questo motivo i Vichinghi con asce danesi furono scortati da altri con scudi per proteggerli.

Naturalmente, l’origine di questa terribile arma è nell’abbattimento degli alberi. Una serie di modifiche lo ha reso perfetto per il combattimento. La lama delle asce a due mani era larga ma sottile, per non comprometterne il peso . La lunghezza del palo potrebbe raggiungere l’altezza di un uomo (circa 180 cm).

Era una risorsa particolarmente devastante se il nemico non aveva cavalleria o un grande contingente di arcieri. Inoltre, la vista di vichinghi che brandivano questo tipo di ascia causava terrore.

Ascia da guerra vichinga

Una di queste asce medievali a due mani era il breiðöx o lama larga. Quest’arma potrebbe avere punte simmetriche o asimmetriche, ma con un solo bordo.

Asce da lancio

Più piccolo e leggero di una mano. Nonostante la loro popolarità nei film, non erano molto frequenti . Le frecce erano molto più efficaci ed economiche da produrre. Le asce da lancio venivano indossate sulla cintura e lanciate quando stava arrivando il primo shock.

Storia dell’ascia vichinga

L’ascia era un’arma molto produttiva per rompere gli scudi e per maneggiare nei combattimenti navali . Inoltre, potrebbero sempre essere usati per tagliare la legna o per compiti più banali, se necessario. Alla fine della giornata, erano l’evoluzione di uno strumento quotidiano.

Asce vichinghe a Troyes
Frigg, moglie di Odino e dea della fertilità

Col passare dei secoli, l’ascia vichinga aumentò di peso e dimensioni . Alla fine del Medioevo cessarono di essere utilizzati prima della comparsa di armi da fuoco come archibugi o moschetti. Inoltre, le nuove tecniche militari puntano su lunghe lance e cavalleria.