Skip to content
Vichingo.top

Com’era la casa dei vichinghi?

Nel post di oggi spieghiamo com’era la casa dei vichinghi. I resti rinvenuti negli scavi ci danno indizi sulla sua costruzione e sulla disposizione dei suoi ambienti. La dimora degli antichi scandinavi cercava di adattarsi alle condizioni climatiche avverse , con inverni lunghi e gelidi.

Di cosa erano fatte le case vichinghe?

Il materiale principale utilizzato per costruire la casa vichinga era il legno . Altri materiali secondari erano pietra e zolle, un pezzo di terra e radici ricoperte di erba.

Poiché il legno si deteriora facilmente nel corso dei secoli, praticamente nulla delle case vichinghe è rimasto sopra il livello del suolo. Di conseguenza, ciò che sappiamo oggi delle abitazioni degli antichi scandinavi sono interpretazioni di reperti archeologici.

Parti della casa vichinga

La struttura

La pianta più comune della casa vichinga è rettangolare , di lunghezza variabile e talvolta con pareti curve. La larghezza, nel frattempo, di solito non superava i 5 metri. Due file di pali sostenevano le travi del tetto e correvano per tutta la lunghezza dell’edificio. Di conseguenza, divisero la casa in una navata centrale e due navate più strette.

Tuttavia, alla fine dell’era vichinga si diffuse un altro tipo di abitazione. Le due file di pali erano incastonate nelle pareti, in modo da creare un unico spazio.

La differenza tra le case dei nobili vichinghi e quelle della gente comune stava nelle dimensioni e nel modo in cui erano arredate. Nella cittadina di Borg, nelle Isole Lofoten (Norvegia), è stato rinvenuto un edificio lungo 83 metri. Per la sua grande estensione si può dedurre che fosse la casa di un capo vichingo.

In Danimarca la quercia era usata per i pali delle case. Tra questi pali erano posti dei pannelli di vimini in legno di nocciola e salice misti ad argilla e letame. È ciò che è noto come wattle. I membri più ricchi del clan avevano solide pareti di legno.

D’altra parte, le querce non sono abbondanti nella penisola scandinava. Questo è il motivo per cui in Svezia e Norvegia sono stati utilizzati legni teneri di conifere. In questo caso, lunghi travi orizzontali sono stati impilati uno sopra l’altro, dentellati alle estremità per formare i giunti. La lunghezza dei tronchi determinava la lunghezza delle stanze, cosicché le case erano costituite da più vani indipendenti che venivano costruiti affiancati a formare un blocco.

La struttura lignea, a volte comprensiva di pavimento in legno (sebbene fosse di solito in terra battuta), poggiava su una fila di pietre che formavano un focolare. Ciò ha impedito al legno di marcire a contatto con il terreno bagnato. Proprio questa disposizione di pietre è l’unica cosa rimasta di quasi tutte le case vichinghe

Per quanto riguarda il tetto, di solito era fatto di paglia, zolle o doghe di legno. A causa delle piogge e della neve, il tetto era a due falde. Questa disposizione, sotto forma di nave capovolta, forniva anche più spazio interno.

Il tempio vichingo di Uppsala

Casa rurale vichinga

Le stanze della casa vichinga

Per quanto riguarda la disposizione degli ambienti, un’estremità della casa era adibita a fienile o adibita a stalla per il bestiame. L’inclusione degli animali all’interno della casa forniva più calore ai suoi abitanti e allo stesso tempo permetteva ai contadini vichinghi di avere una maggiore sorveglianza dei loro animali.

Lo spazio per le persone aveva un fuoco al centro per fornire luce e calore. Questo camino veniva utilizzato anche per cucinare, sebbene la casa vichinga non avesse un camino . Invece, il fumo usciva da un lucernario nel soffitto. La principale fonte di luce era il camino centrale, anche se poteva esserci anche una coppia di finestre.

Come si evince da recenti ricerche, la disposizione di queste case con scarsa ventilazione e il fuoco permanentemente acceso hanno esposto i Vichinghi a un alto livello di contaminazione. A lungo andare, il fumo ha causato diversi problemi di salute, soprattutto per le donne, che trascorrevano più tempo in casa.

Panche di terracotta rinforzate con vimini correvano lungo le pareti interne della casa. Servivano sia per sedersi che per sdraiarsi, e in loro si praticavano compiti quotidiani come tessere o fare cesti.

Le porte delle case erano di legno e potevano essere chiuse con una chiave. Infatti il simbolo della donna libera era il mazzo di chiavi di casa sua. Nella società vichinga, la donna era la padrona di casa o husfreya , ed era incaricata di gestire la casa.

Interno della casa vichinga

Replica di una casa vichinga

La casa dei vichinghi in città

Le case che si trovavano all’interno delle mura delle città non avevano spazi per immagazzinare il grano o tenere il bestiame. Di conseguenza, erano più piccole delle case rurali dei vichinghi.

A Hedeby, in Danimarca, sono state conservate le fondamenta e le parti inferiori delle pareti di alcuni edifici in legno. Le case erano rettangolari, lunghe circa 12 metri per 5 di larghezza. I pilastri lignei erano sostenuti all’esterno da montanti inclinati. Il set aveva un rivestimento in canniccio.

Questa fu la battaglia di Stamford Bridge (1066)

Queste case avevano una stanza grande, che ospitava la casa, e due piccole, una per estremità, come spazio di lavoro e per conservare i prodotti artigianali dei loro abitanti.