Skip to content
Vichingo.top

Fenrir, il temibile lupo figlio di Loki

Il lupo selvaggio Fenrir

Uno dei bambini peculiari di Loki è questo lupo gigantesco che gli dei non potevano controllare. Feroce come poche creature nella mitologia norrena, Fenrir è predestinato a svolgere un ruolo importante in Ragnarök.

Oltre a dei, giganti e altre specie, alcuni animali unici hanno una rilevanza speciale nella mitologia norrena. Il lupo Fenrir e il serpente Jörmungandr ne sono due buoni esempi.

Origine di Fenrir

Fenrir è il figlio di Loki e del gigante Angrboda , che generò anche i suoi fratelli Jörmungandr e Hela, la dea della morte. Come i suoi mostruosi fratelli, è destinato a causare problemi agli dei.

A sua volta, Fenrir è il padre dei lupi Hati e Sköll . Il primo è dedicato all’inseguimento della Luna, e il secondo fa lo stesso ma con il Sole. Nella mitologia vichinga , questi incessanti inseguimenti sono la causa del ciclo giorno/notte.

Soprannomi e rappresentazione di Fenrir

Fenrir è anche conosciuto come Vánagandr. È rappresentato come un grande lupo con un atteggiamento feroce . Per citare alcuni esempi, si possono trovare raffigurazioni di Fenrir sulle pietre runiche di Tullstorp e Ledberg.

A destra, Fenrir morde il piede di Odino.

I miti principali di Fenrir

Cercando di domare la bestia

Quando Fenrir era un cucciolo, divorava così tanto cibo che iniziò a crescere a un ritmo incredibile. Arrivò un momento in cui gli dei cominciarono a preoccuparsi e alla fine decisero di imprigionarlo prima che fosse troppo tardi . Prima hanno provato la catena Leding (“personalizzata”), ma l’animale ha dovuto solo allungare un po’ per romperla. Quindi gli Asgardiani tentarono un’altra catena ancora più forte, Dromi (“legge”). Ma Fenrir ha dovuto a malapena sobbalzare per romperlo.

Il braccialetto vichingo: un premio per i migliori guerrieri

A questo punto, gli æsir e i vanir si sono rivolti a abili nani per trovare un rimedio. I nani crearono Gleipnir  (“coscienza”), un nastro magico che sembrava leggero e setoso ma era infrangibile. Era composto dai seguenti sei materiali: la barba di una donna, le radici di una montagna, il respiro di un pesce, i tendini di un orso, il suono dei passi di un gatto e la saliva di un uccello.

Con questo oggetto magico, gli dei si sono avvicinati a Fenrir per tenerlo una volta per tutte. Lo portarono sull’isola di Lyngvi, nel lago Ámsvartnir, e per ingannarlo gli dissero che gli avrebbero messo una catena per vedere se era capace di romperla, visto che loro non erano capaci. Tuttavia, il lupo era già sospettoso dopo ripetuti tentativi precedenti. Per non essere bollato come codardo, acconsentì ma a una condizione: che uno degli dei gli mettesse la mano tra le fauci. Tyr, il valoroso dio della guerra, fu l’unico ad avere il coraggio di farlo.

E così, mentre la mano di Fenrir era intrappolata tra le sue fauci, gli dei legavano la bestia. Controllando che questa volta sarebbe stato catturato, Fenrir morse la mano di Tyr e gliela strappò. Successivamente, il lupo rimarrà incatenato fino al giorno del Ragnarök.

Tyr tiene la mano tra le mascelle di Fenrir. Illustrazione di John Bauer.

Fenrir nel Ragnarök

La Guardia Varangiana: le scorte vichinghe dell'Imperatore dell'Impero Bizantino

Il nastro Gleipnir manterrà Fenrir legato fino al Ragnarök. Quel giorno, il lupo gigante riuscirà a liberarsi e marcerà verso la battaglia finale con suo padre Loki e il fianco dei giganti. Allo stesso tempo, Hati e Sköll raggiungeranno finalmente la Luna e il Sole, distruggendoli. Di conseguenza, l’oscurità coprirà l’intera terra durante il Ragnarök. In combattimento e come è predestinato, Fenrir divorerà Odino. Il lupo morirà quindi per mano di Viðarr, figlio di Odino e dio del silenzio e della vendetta.

Il primo attacco dei Vichinghi in Inghilterra