Skip to content
Vichingo.top

Frigg, moglie di Odino e dea della fertilità

La regina degli dei nordici

Dea della fertilità e dell’amore coniugale, Frigg era venerata dalle coppie sposate. Ha sempre mostrato un aspetto maestoso ed è stato notato per la sua astuzia.

Uno degli asynjur più importanti è Frigg , la moglie di Odino e il più grande prototipo di moglie e madre che la mitologia norrena offre .

Di cosa è la dea Frigg?

I poteri di Frigg sono molto ampi. Tra le altre cose, Frigga è la dea nordica della fertilità, del matrimonio, della maternità e delle arti domestiche. Era invocato nei Parti, in cui i Vichinghi usavano una pianta sedativa chiamata “erba di Frigg” (cuajaleche o Galium verum ).

Inoltre, in quanto moglie del dio Odino , è considerata la regina dei cieli e degli æsir . Infatti solo loro due hanno il diritto di sedere sul trono di Hliðskjálf.

Frigg aveva il suo palazzo, chiamato Fensalir . In questo luogo ha invitato le coppie sposate che hanno condotto una vita virtuosa, in modo che potessero godere della compagnia dei loro partner dopo la morte.

D’altra parte, questo ásynja ha il dono della profezia . Anche se, curiosamente, non rivela mai a nessuno ciò che sa.

Le origini e la parentela di Frigg

Come risultato del suo legame con Odino, Frigg è la madre di Balder , Höðr e Hermóðr . È anche la matrigna di Thor , Heimdall e del resto dei figli del dio con un occhio solo. A sua volta, è la figlia di Fjörgynn.

Uno dei suoi migliori amici è Eir, la dea della guarigione e della salute. Inoltre, Frigg ha a sua disposizione numerosi servitori , tra cui Hlín, Gna e Fulla. Non solo la aiutano con le faccende domestiche, ma la dea spesso le manda a fare commissioni.

Rappresentazione della dea Frigga

Frigg è descritta come una dea alta e bella, molto amante dei gioielli e degli abiti sontuosi . Si dice che il suo umore fosse mutevole, al punto che si vestiva di nero o di bianco a seconda del suo umore.

I suoi hobby includono tessere nuvole usando un filatoio così lussuoso che si illumina al buio. In effetti, i Vichinghi chiamavano la costellazione che conosciamo come cintura di Orione “il filatoio di Frigg”.

A volte può essere identificata nell’arte vichinga perché appare seduta sul Hliðskjálf . Da questo trono, lei e Odino potevano vedere cosa stava succedendo nei nove mondi.

Frigg può anche essere rappresentato con le chiavi appese alla vita, poiché questo è il simbolo di una donna nordica sposata.

Nemesis Now Frigga Dea della Saggezza, 19 cm, Bronzo, Taglia Unica
Nemesis Now Frigga Dea della Saggezza, 19 cm, Bronzo, Taglia Unica
Statuetta del leader norvegese Frigga.; Madre di Baldur e moglie di Odin.; In resina di alta qualità.
Statuetta di Frigga, dea dell'amore, bronzata, scultura Veronese Odin Frigg
Statuetta di Frigga, dea dell'amore, bronzata, scultura Veronese Odin Frigg
Statua decorativa espressiva di Veronese Design; Materiale: anima in poliresina massiccia con rivestimento in bronzo

Miti su Frigg

Ecco due miti norreni in cui la dea Frigg gioca un ruolo importante.

Balder, il dio vichingo della luce

Grímnismál: la storia di Geirrod e Agnar

Il Grímnismál è una delle poesie che compongono l’ Edda poetica . In questa storia, la dea Frigg mostra la sua astuzia.

Il Grímnismál vede protagonisti due giovani figli di un re: Geirrod, il protetto di Odino, e Agnar, il protetto di Frigg. Entrambi erano stati allevati da Odino e da sua moglie , travestiti da pastori, e ciascuno aveva ricevuto saggi consigli dal proprio padrino. Quando entrambi i principi furono abbastanza grandi, presero direzioni diverse. Geirrod tornò nel suo paese per ereditare il regno di suo padre, mentre Agnar decise di vivere con una gigantessa in una grotta.

A questo punto, Odino e Frigg stavano osservando cosa stava succedendo nel mondo quando discutevano della situazione dei loro figliocci. Odino era orgoglioso di Geirrod, che era diventato re, e si prendeva gioco di Agnar . Tuttavia, Frigg ha risposto che Geirrod era un uomo cattivo e avido, “così avaro alle sue feste che tortura i suoi ospiti se pensa che ne siano venuti troppi”. Odino decise di dimostrare a sua moglie che questa grave accusa era infondata.

Così, Odino si travestì e andò a casa di Geirrod chiamandosi Grímnir. L’astuto Frigg decise di ingannare il re, mandando la sua ancella Fulla ad avvertirlo dell’arrivo di uno straniero con cattive intenzioni. Fulla spiegò a Geirrod che avrebbe identificato facilmente quest’uomo perché i cani non lo avrebbero attaccato. E così, Grímnir fu catturato senza tante cerimonie.

Geirrod fece torturare il suo strano ospite per ottenere maggiori informazioni, ma Odino rimase in silenzio. Per otto giorni il dio fu bruciato tra due falò . Il figlio del re, chiamato Agnar come suo fratello, ebbe pietà di Grímnir e gli diede da bere un corno di idromele. Poi Odino ha rivelato la sua vera identità.

La sorpresa di Geirrod fu tale che si precipitò, spada in mano, a liberare il suo prigioniero. Tuttavia, la sua fretta era tale che inciampò e cadde sulla spada, morendo dalla sua stessa arma. In seguito, Odino scomparve e il piccolo Agnar regnò per molti anni.

Illustrazione di Frigg che tesse le nuvole (John Charles Dollman).

Il gioiello rubato e la rabbia di Odino

In un mito, l’ossessione di Frigg per i gioielli è la causa delle calamità. Tutto inizia quando la dea ruba un pezzo d’oro da una statua che rappresenta Odino , eretta in uno dei suoi templi. Dopo aver posseduto questo pezzo, Frigg lo dona ai nani per farne una preziosa collana.

L’assenza dell’oro non passò inosservata al marito, che chiese ai nani l’autore del furto. Poiché nessuno osava smascherare Frigg, Odino decise di far parlare la statua stessa . Ordinò che fosse posto all’ingresso del tempo per applicare rune che gli avrebbero dato la facoltà di parola.

Di fronte a questa situazione, Frigg ha inviato la sua serva Fulla a trovare una soluzione. Fulla tornò accompagnata da un orribile nano che disse che avrebbe impedito alla statua di parlare se Frigg gli avesse dato un sorriso. La dea acconsentendo alla sua richiesta, il nano si diresse al tempio, infuse nelle guardie un sonno profondo e fece a pezzi la statua.

Questo sacrilegio provocò l’ira di Odino, che decise di lasciare Asgard. I suoi fratelli Ve e Vili tentarono di sostituirlo al comando degli æsir , ma senza successo. Approfittando della mancanza di leadership degli dei, gli Jotun invasero Midgard e la ricoprirono di neve, ghiaccio e nebbia fredda.

Le Valchirie, le Elettori degli Eroi

Passarono sette mesi di difficoltà finché finalmente Odino ebbe pietà e decise di tornare . Il dio della guerra e della saggezza cacciò i giganti dalla Terra e tutto tornò come prima.