Skip to content
Vichingo.top

Funerale vichingo: come i vichinghi salutarono i loro morti

Il modo in cui salutiamo i defunti dice molto sulla nostra società e cultura. Nel caso del funerale vichingo possiamo trovare simbolismo religioso, manifestazioni di status sociale, riflessi di costumi e usi, ecc. Le saghe, le cronache e i resti archeologici ci raccontano come erano le pratiche funerarie scandinave nel Medioevo.

Tipi di funerali vichinghi

Gli antichi norreni avevano due modi di celebrare un funerale: cremare i propri morti o seppellirli. La scelta dell’uno o dell’altro metodo dipendeva dalle usanze di ciascuna regione (in Danimarca, ad esempio, la sepoltura era più comune). La diffusione del cristianesimo contribuì a rendere sempre più comune la sepoltura , tanto che verso la fine dell’età vichinga questo era il metodo predominante per lo svolgimento dei funerali.

D’altra parte, anche lo status e il potere d’acquisto del defunto erano una questione determinante nella preparazione del funerale. Successivamente, spiegheremo un po’ più in dettaglio i tipi di funerali vichinghi che esistevano.

Incenerimento

L’immagine che viene in mente quando si parla di un funerale vichingo è quella di una nave in fiamme. Tuttavia, questa pratica funebre era disponibile solo per pochissimi. Dopotutto, una nave era molto preziosa e anche un simbolo di ricchezza. I capi vichinghi e i più ricchi potevano permettersi di essere cremati in una delle loro navi.

La nave poteva essere bruciata a terra come una pira per mezzo di una torcia oppure poteva anche essere spinta in mare e lanciata con frecce incendiarie. In quest’ultima forma, è andato alla deriva mentre veniva consumato dalle fiamme.

Funerale vichingo con cremazione della nave

“Funerale vichingo”, illustrazione di Gabriel dos Anjos.

Il corpo del defunto veniva deposto sul ponte della nave, circondato dal suo corredo nonché dalle offerte e dai sacrifici fatti da chi gli era vicino. La barca è stata cosparsa di olio o altro materiale incendiario per facilitare la cremazione.

I vichinghi meno abbienti , invece, venivano cremati su pire funerarie . Le ceneri potevano essere disperse o interrate, contrassegnando il luogo con un tumulo o con una lapide commemorativa.

È interessante una testimonianza di una Rus o vichinga d’oriente raccolta dal cronista arabo Ahmad ibn Fadlan :

Voi arabi siete pazzi. Metti gli uomini che ami di più e i più nobili tra di voi sottoterra, e la terra, i vermi e gli insetti li mangiano. Ma li bruciamo in un istante, in modo che senza indugio entrino in paradiso.

Sepoltura

La sepoltura è l’altro tipo di funerale vichingo che conosciamo. E, infatti, le sepolture sono state una grande fonte di informazioni per archeologi e storici per la migliore conservazione dei resti.

I norvegesi più ricchi furono sepolti in barche funebri, vasi da cui furono rimossi l’albero, le polene e altre parti prominenti in modo che non sporgessero. A volte queste navi venivano costruite apposta, mentre altre erano vere e proprie navi appartenute al defunto. Fu scavata una fossa abbastanza grande da poter seppellire la nave, sul cui ponte fu deposto il corpo circondato da corredi funerari in stile navi cremate. Poi tutto veniva ricoperto di pietre e vi si versava sopra della terra, formando talvolta un cumulo.

Tumulo funerario nel cimitero vichingo di Borre

Tumulo nel cimitero vichingo di Borre (Norvegia).

Numerosi tumuli funerari sono stati trovati nei territori sotto l’influenza vichinga in onore di re e capi nordici. Inoltre, i defunti erano onorati da monumenti funerari come molte pietre runiche. Alcuni tumuli funerari vichinghi sono Borre (Norvegia), Jelling e Lindholm Høje (Danimarca). Alcuni tumuli raggiungono i 45 metri di diametro e i 6 metri di altezza.

C’era anche l’opzione delle cosiddette barche di pietra , che sono una disposizione di rocce che simulano la sagoma di una nave intorno al luogo in cui è stata scavata la tomba.

Come è stato osservato nelle tombe ritrovate, i Liberi Nordici furono sepolti con importanti possedimenti . Ad esempio, i corpi dei guerrieri portano armi, strumenti di artigiani e gioielli femminili o oggetti per la casa.

Barche di pietra a Lindholm Høje
I vichinghi diffondono la lebbra in Irlanda

Barche in pietra a Lindholm Høje (Danimarca).

Gli schiavi o schiavi dei Vichinghi avevano funerali molto più modesti. Scavò nella terra per disporre del suo corpo in modo abbastanza dignitoso che non tornassero a disturbare i loro padroni. Gli schiavi a volte venivano sacrificati per servire i loro proprietari nell’aldilà, e per loro i loro scheletri sono stati trovati nelle più importanti tombe vichinghe.

Com’era il rito funebre dei Vichinghi

Gli antichi scandinavi credevano nell’aldilà, ed erano anche un popolo particolarmente superstizioso. Per questo motivo, il funerale vichingo doveva essere celebrato correttamente in modo che il defunto potesse mantenere lo status che aveva raggiunto in vita e trovare la strada per l’aldilà. Una cerimonia mal eseguita poteva, secondo le credenze dell’epoca, far diventare il defunto un’anima condannata a vagare in eterno.

Presente in numerose tombe e cippi commemorativi, la nave era un simbolo del viaggio nell’aldilà . Alcuni studiosi sostengono che i cavalli sacrificati e depositati nelle barche funerarie assolvessero a questa stessa funzione di mezzo di trasporto.

La nave funeraria di Oseberg

Nave funeraria Oseberg (Norvegia).

I Vichinghi erano soliti lasciare regali accanto al cadavere , anche se bruciato. Il numero e il valore di queste offerte dipendevano dalla posizione sociale del defunto. Ad esempio, per i leader più importanti, gli schiavi potrebbero essere massacrati. Tra i corredi funerari sono stati rinvenuti oggetti come armi, gioielli, attrezzi, carri, slitte, barche, cibi e bevande. Anche corpi di cavalli, cani, mucche e altri animali.

Per celebrare un funerale vichingo, venivano sacrificati animali con i quali veniva offerta una festa. Il settimo giorno dopo la morte del defunto avvenne lo  sjaund . Questa celebrazione prevedeva libagioni di una birra funebre. Solo dopo questo rito gli eredi del defunto potevano reclamare la loro quota di eredità.

Il funerale vichingo testimoniato da Ibn Fadlan

Varie cronache arabe ci raccontano dei funerali dei Rus o dei Vichinghi orientali, in cui venivano sacrificati schiavi per accompagnare i loro padroni . Ad esempio, Al-Istajri dice: “I Rus sono un popolo che brucia i propri morti. I giovani schiavi vengono bruciati con i ricchi di loro spontanea volontà.

Ibn Fadlan, da parte sua, offre un resoconto sconvolgente del funerale di un grande uomo. Lasciarono il suo corpo in una tomba temporanea per dieci giorni, durante i quali fu tessuta una tuta per lui. Dopo aver completato questo indumento, hanno dissotterrato il corpo e lo hanno vestito, e una schiava si è offerta volontaria per essere sacrificata. Gli uomini vicini al morto hanno fatto sesso con la ragazza, e quando hanno finito le hanno detto “Dì al tuo padrone che l’ho fatto solo per amore di lui”.

Il cadavere del proprietario è stato posto in una tenda sul ponte di una nave, posto su una pira di legno. Furono depositati cibi e bevande, nonché le carcasse di animali sacrificati (un cane, due cavalli, un gallo e una gallina). Gli uomini poi condussero lo schiavo a una specie di telaio della porta che avevano costruito. La sollevarono tre volte per i piedi sui palmi delle mani, in modo che potesse vedere oltre la cornice. Ogni volta, la giovane donna raccontava ciò che vedeva: la prima volta, ai suoi genitori; il secondo, a tutti i suoi parenti; il terzo, al suo padrone in paradiso, circondato da giovani e dicendogli di andare con lui.

Nave funeraria vichinga

Fu allora che gli uomini portarono la schiava alla nave, dove si tolse i braccialetti e gli anelli che indossava e li diede a una vecchia donna che chiamarono “Angelo della morte”. Questa donna (“una strega sinistra con un corpo grosso”) depose il corredo funerario e sarebbe stata incaricata di uccidere la giovane donna. Hanno dato allo schiavo da bere bevande alcoliche, che poi è entrato nel negozio. Mentre i partecipanti facevano rumore colpendo i loro scudi con i manganelli, sei uomini sono entrati nel negozio uno dopo l’altro e hanno fatto sesso con lei. Poi due di loro la presero per i piedi e due per le mani. La vecchia si avvolse una corda intorno al collo, e mentre gli altri due uomini tiravano la corda per strangolarla, lei gli conficcò un pugnale nel fianco.

Ascia vichinga: l'arma preferita dei vichinghi

Infine, il maschio più vicino al defunto si spogliò e tornò indietro con una torcia in mano, con la quale accese la pira di legno su cui era posata la nave. Gli aiutanti presero un bastone e lo accesero sulla pira, ributtandolo nella legna per propagare il fuoco. In questo modo tutto fu ridotto in cenere.

L'origine vichinga della tecnologia Bluetooth