Skip to content
Vichingo.top

Guardiano del Bifröst

Dotato di vista e udito senza pari, Heimdall era il guardiano degli dei. Il suo compito principale era quello di proteggere il Bifröst o arcobaleno, che era il ponte che collegava Midgard con Asgard.

Le origini di Heimdall

Pochi personaggi della mitologia vichinga hanno un’origine così misteriosa. Ed è che Heimdall è il figlio di Odino e nove sorelle giganti : Augeia, Aurgiafa, Atla, Egia, Gjálp, Greip, Iarnsaxa, Sindur e Ulfrun. Il capo degli dei stava camminando in riva al mare quando vide queste nove giovani donne che dormivano pacificamente sulla sabbia.

Odino si innamorò della loro bellezza e concepì un bambino con loro. In qualche modo, i giganti si sono uniti per dare alla luce Heimdall . Le nove madri lo hanno cresciuto duramente, quindi è cresciuto molto velocemente.

Ben presto se ne andò per unirsi ad Asgard insieme a suo padre. È arrivato nel regno degli dei proprio mentre stavano deliberando su chi dovesse custodire il ponte Bifröst recentemente completato. Il giovane Heimdall si candidò e fu eletto. Da quel momento Heimdall osservò il ponte giorno e notte.

Per svolgere il suo lavoro nel modo più efficace, gli dei vichinghi gli hanno dato sensi estremamente raffinati. In questo modo, Heimdall era in grado di vedere a centinaia di miglia di distanza tanto chiaramente di giorno quanto di notte. Inoltre, il suo udito era così fine che poteva sentire crescere l’erba e la lana delle pecore. Infine, poteva andare senza dormire per diversi giorni.

Heimdall regge il corno Gjallarhorn, inciso sulla croce Gosforth (Inghilterra).

Rappresentazione e soprannomi di Heimdall

Heimdall o Heimdal, in antico norreno Heimdallr , ( heim significa ‘casa’), aveva la reputazione di essere gentile e bello. Amato da tutti e con la reputazione di essere saggio e sorridente.

Il suo oggetto più caratteristico era il Gjallarhorn , il corno che doveva suonare per annunciare l’arrivo degli intrusi. La sua splendente armatura bianca era un altro dei suoi attributi, motivo per cui era conosciuto come il Dio Bianco. Si distinse anche per i suoi denti d’oro, che gli valsero il soprannome di Gullitani (“quello con i denti d’oro”).

Heimdall viveva in un palazzo chiamato Himinbjörg , situato alla fine del Bifröst. Lì ricevette le visite degli altri dei. Ogni mattina, per prima cosa, cavalcava un veloce cavallo dalla criniera dorata di nome Gultoppr per annunciare il nuovo giorno agli dei. Per questo motivo era conosciuto come  Heimdellinger  (“colui che porta la luce in casa”).

I principali miti di Heimdall

Heimdall partecipa a numerosi episodi della mitologia scandinava, sempre con un ruolo positivo. Raccogliamo qui le storie principali in cui appare questo figlio di Odino.

La collana Brisingamen di Loki e Freya

Sempre vigile e con sensi estremamente acuti, Heimdall ha scoperto che Loki rubava la collana d’oro Brisingamen a Freya mentre dormiva. Ha sentito per la prima volta dei passi di gatto in direzione del palazzo di Freya, Fólkvangr. Mentre volgeva lo sguardo lì, vide una mosca che si intrufolava nelle stanze della dea. Riguardava il malvagio Loki che cambiava forma!

Vichinghi in America: viaggi e insediamenti a Vinland

Dal momento che non poteva rubare la collana di Freya senza svegliarla, Loki fu costretto a farle cambiare posizione. Davanti allo sguardo distante di Heimdall, Loki si trasformò in una pulce e morse la Signora di Fólkvangr, che si mosse nel suo letto senza svegliarsi. Era finalmente in una posizione in cui Loki poteva aprire la collana, quindi non ci pensò due volte e la prese.

In quel momento Heimdall corse fuori per catturare il ladro. Quando allungò la mano ed estrasse la spada, Loki si trasformò in una fiamma blu. Il guardiano del Bifröst ha reagito trasformandosi in una nuvola e piovendo per spegnere l’incendio. Loki, a sua volta, divenne un orso polare disposto a ingoiare l’acqua. Poi anche Heimdall si trasformò in un orso e iniziò una rissa.

Vedendo il ladro che aveva la possibilità di perdere, cambiò ancora una volta forma, in un sigillo. Il Dio Bianco seguì l’ esempio, e dopo un combattimento con le foche Loki dovette ammettere la sconfitta . Alla fine, Heimdall restituì Brisingamen al suo proprietario.

Heimdall consegna la collana Brisingamen a Freya.

Ríg e l’origine delle classi sociali

Heimdall una volta si prese alcuni giorni di ferie per fare un’escursione a Midgard. Camminando lungo la riva del mare, si imbatté in un’umile capanna dove vivevano Ai (bisnonno) ed Edda (bisnonna). La coppia, senza riconoscerlo, lo invitò a condividere il loro povero porridge. Heimdall, che ha detto di chiamarsi Ríg, ha accettato l’invito ed è rimasto in cabina per tre giorni, dando loro molti consigli utili. Poi riprese il suo viaggio. Pochi mesi dopo, Edda diede alla luce un bambino dalla pelle scura che chiamò Thrall.

Man mano che Thrall cresceva, dimostrò una forza straordinaria e un’attitudine per i lavori pesanti. Prese come moglie Thyr, una ragazza forte che lavorava anch’essa dall’alba al tramonto. La coppia ebbe molti figli e i loro discendenti erano schiavi o schiavi.

Lasciando la capanna, Ríg si diresse verso l’entroterra, dove trovò una fertile fattoria. I suoi proprietari, Afi (nonno) e Amma (nonna), lo invitarono a consumare il loro pasto semplice ma abbondante. Il viaggiatore ha trascorso tre giorni in questa fattoria, condividendo la saggia conoscenza durante il suo soggiorno.

Mesi dopo la partenza, Amma generò un robusto figlio dagli occhi azzurri di nome Karl. Karl si è distinto per la sua attitudine al lavoro sul campo. Sposò Snor, dal quale ebbe molti figli e diede inizio alla classe dei contadini o degli uomini liberi.

Nell’ultima tappa della sua avventura, Ríg arrivò a un maestoso castello arroccato su una collina. Lì fu intrattenuto dai ricchi Fadir (padre) e Modir (madre), nobili che gli regalarono per tre giorni carni squisite e vini raffinati.

Infine, Heimdall tornò a Himinbjörg per proteggere il Bifröst. Modir ha dato alla luce un figlio magro e bellissimo di nome Jarl. Il giovane Jarl eccelleva nelle abilità di caccia e di combattimento. In seguito avrebbe sposato la bella Erna, con la quale avrebbe illuminato la classe nobile. Il più giovane di loro, Kon, sarebbe diventato re di Danimarca.

Heimdall al Ragnarök

Il ruolo di Heimdall in Ragnarök è fondamentale. Sarà lui a suonare il Gjallarhorn per avvisare gli dei dell’invasione dei giganti. Durante il combattimento, Heimdall sarà l’ultimo degli dei a morire. È destinato a combattere con Loki, essendo entrambi morti dopo un incontro alla pari.

Heimdall nella cultura contemporanea

Frigg, moglie di Odino e dea della fertilità

Heimdall è senza dubbio conosciuto nella cultura popolare grazie ai fumetti Marvel. Appare come un importante personaggio di  Thor , dove riceve il nome di Heimdall . Sorprendentemente, negli adattamenti cinematografici il Dio Bianco è incarnato da un attore dalla pelle nera, Idris Elba.