Skip to content
Vichingo.top

Il tempio vichingo di Uppsala

Se c’era un centro religioso e culturale nella civiltà vichinga, era il Tempio di Uppsala . Luogo di pellegrinaggio in cui ogni nove anni si celebrava una festa con sacrifici umani che portava all’estasi folle di persone.

Oggi non è rimasto molto, per non dire niente, di questo edificio. Tuttavia, le descrizioni sono giunte fino a noi nelle cronache antiche così come le menzioni nelle saghe norrene. Sia lo stesso Tempio di Uppsala che, soprattutto, i rituali che si praticavano nella travolgente Dísablót.

Uppsala: un punto di riferimento nell’era vichinga

Inizieremo dando un po’ di contesto geografico e storico. Uppsala era una grande città che fu la residenza dei re svedesi della Casa di Yngling, il cui fondatore secondo la leggenda fu Ragnar Lodbrok. Uppsala, inoltre, era un importante luogo di incontro per tre motivi:
  • Ha ospitato la celebrazione del Dísablót nel suo sontuoso santuario.
  • Era la sede della Cosa di tutti gli svedesi , un’assemblea politica in cui il re e i nobili organizzavano le spedizioni estive.
  • Ha ospitato il Disting, un grande mercato per il commercio che curiosamente ha continuato a tenersi fino ad oggi.

Va detto che l’originale Uppsala, ora conosciuta come Gamla Uppsala o “Old Uppsala”, si trova pochi chilometri a nord dell’attuale città svedese. Nella zona circostante sono stati trovati centinaia di tumuli funerari risalenti all’età del bronzo e, naturalmente, all’età vichinga. La città si trova a circa 80 chilometri a nord-ovest di Stoccolma, e oggi è la quarta città più popolosa della Svezia con più di 140.000 abitanti.

Com’era il tempio di Uppsala

Per scoprire che aspetto avesse l’ormai defunto Tempio di Uppsala, ci riferiamo a testi come le Gesta Danorum (del XII secolo), scritti dallo storico danese Saxo Grammaticus o gli scritti del cronista Adam di Brema (oggi Germania) di gli anni 1070.

Il tempio di Uppsala era grande . Al suo interno conteneva statue lignee delle tre divinità vichinghe più importanti del pantheon norreno:

  • Odino , dio della guerra e della saggezza.
  • Thor , dio del tuono e protettore di Midgard.
  • Frey , dio della fertilità.

Thor è il più potente degli dei, governa tuoni e fulmini, vento e pioggia, luce solare e raccolti. Siede al centro con uno scettro (Mjolnir) in mano, e al suo fianco ci sono Odino, il dio della guerra, in armatura completa e Frey, il dio della pace e dell’amore, caratterizzato da un grande fallo.”

Adamo di Brema

Adamo di Brema racconta che secondo alcuni locali e tradizione orale il vecchio tempio fu costruito in oro, con una catena d’oro che pendeva lungo la facciata. Poiché l’edificio si trovava in una valle, circondato da montagne, faceva una bella impressione vederlo. Naturalmente, il santuario non poteva essere fatto d’oro e questa non è altro che un’esagerazione.

Armi vichinghe

Illustrazione del tempio di Uppsala

Illustrazione del Tempio di Uppsala (1555) di Olaus Magnus.

Mito o realtà?

Dobbiamo anche contribuire alla visione di altri storici più scettici. Sostengono che il tempio non fosse un edificio a sé stante, ma venga confuso con la sala dei re svedesi dove si sarebbero tenuti i banchetti.

Tuttavia, sotto la chiesa di Gamla Uppsala (ex cattedrale) sono stati trovati resti di edifici in legno. Ricordiamo che le chiese erano costruite su luoghi di culto pagani. Sono i resti del tempio di Uppsala? Non lo sappiamo per certo.

Cosa è successo al tempio di Uppsala?

Questa discriminazione nei confronti dei cristiani e le tensioni religiose in generale furono la causa di una guerra civile in Svezia. Il re Inge I, cristiano, fu rovesciato da Blot-Sven e dalla fazione pagana nel 1084. Tre anni dopo, nel 1087, Inge I e il suo esercito cristiano ripresero il potere a Gamla Uppsala.

Fu allora che il Tempio di Uppsala fu incendiato e si consolidò la cristianizzazione del Paese . Secondo i registri, l’ultimo Dísablót ebbe luogo nell’anno 1078.

Il Dísablót: sacrifici umani nel Tempio di Uppsala

La leggenda narra che il dio Frey si stabilì a Uppsala. Fu questo dio della fertilità che incoraggiò la pratica dei sacrifici umani per soddisfare gli dei. E da lì deriva l’origine del Dísablót o “festa degli dei”.

Nessuno ha perso il Dísablót

Il Dísablót si celebrava a febbraio ogni nove anni e vi partecipavano tutti gli svedesi, dal re e dai nobili alla gente comune . Gli assistenti, provenienti da tutto il paese, portavano offerte per le divinità. Se qualcuno non poteva venire per malattia, vecchiaia o qualsiasi altra circostanza, chiedeva ai vicini di portare i loro tributi agli dei.

Anche gli schiavi prendevano parte al Dísablót…di solito sotto forma di vittime sacrificali. C’era un solo settore della popolazione bandito dalla festa: i cristiani sempre più numerosi. Non solo non potevano partecipare, ma i cristiani dovevano anche pagare una pesante multa.

Una festa di sangue umano e animale

Il numero di creature sacrificate è abbastanza confuso, ma la verità è che per nove giorni sono stati sacrificati nove maschi di ogni specie, oltre agli umani. Come sappiamo, nove è uno dei numeri vichinghi più sacri nella cultura norrena.

Tutti furono macellati e il loro sangue fu raccolto in ciotole. I corpi sono stati appesi a testa in giù ai rami degli alberi della foresta che circondava il complesso religioso.

Il sangue rese sacra la foresta e gli alberi che vi credevano. Tutte queste offerte avevano in sottofondo canti, cori “orribili” e “impudenti” secondo Adamo di Brema. La gente andava in estasi.

D’altra parte, ogni dio del tempio aveva un sacerdote che raccoglieva le offerte corrispondenti. I pellegrini rendevano omaggio a Frey per avere fertilità nel loro matrimonio o nei loro raccolti; a Thor per evitare o guarire dalla malattia; e a Odino per ottenere saggezza o trionfare in guerra.

Uppsala come centro del potere vichingo

Ricordiamo che dopo Dísablót ci sono stati due grandi eventi che già da soli giustificavano un grande afflusso di persone. Da un lato, la convocazione della Cosa di tutti gli svedesi; dall’altro il Disting o mercato.

L'alfabeto vichingo

Come curiosità aggiungeremo che alcuni membri della religione Ásatrú hanno eseguito un blót nell’antica Uppsala nel 2000 . Non meno di 900 anni dopo l’ultimo celebrato.