Skip to content
Vichingo.top

La bussola vichinga

Oltre ai guerrieri e ai saccheggiatori, i Vichinghi si distinguevano come marinai eccezionali . Ma come potevano questi norvegesi navigare nei mari del nord con cieli spesso nuvolosi? La risposta è nella pietra del sole o nella bussola vichinga.

Questo manufatto, citato nelle saghe, permetteva loro di orientarsi in mezzo a fitte nebbie o anche di notte. Molto prima delle bussole magnetiche, la bussola vichinga forniva un formidabile vantaggio ai navigatori scandinavi.

Indagando sulla bussola vichinga

I Vichinghi intrapresero lunghi viaggi attraverso l’Oceano Atlantico, arrivando fino all’America. Come siano riusciti a navigare nei tempestosi mari del nord senza perdersi è stato un mistero per molti secoli, ma oggi abbiamo una solida ipotesi.

Disco Uunartoq, trovato in Groenlandia.

L’album di Uunartoq

Nel 1948, un team di archeologi scoprì uno strano oggetto sepolto in un convento medievale in Groenlandia . Era di legno, con un diametro di circa 7 centimetri, e solo una parte è stata conservata. Questo aggeggio dell’XI secolo fu soprannominato il disco Uunartoq. All’inizio, gli archeologi pensavano che fosse un semplice oggetto decorativo.

Nei decenni successivi, gli storici hanno giocato con la possibilità che il disco di Uunartoq fosse in realtà una bussola rudimentale. Già nel 2014, un team dell’Università Eötvös Loránd (Budapest, Ungheria) ha concluso che la combinazione di questo disco di legno con pietre solari potrebbe determinare i punti cardinali.

Questo tipo di bussola Viking funzionerebbe con un piccolo margine di errore di quattro gradi e potrebbe essere utilizzato anche con tempo nuvoloso . Un’invenzione rivoluzionaria che ha permesso agli antichi marinai nordici di entrare in mare aperto, riducendo i rischi e raggiungendo un porto di successo.

Un oggetto simile alla pietra solare vichinga è stato recentemente trovato su una nave affondata al largo della costa inglese. La barca era contemporanea ai Tudor, cioè da un’epoca diversi secoli dopo il vichingo. Senza dubbio, questo strumento era una buona alternativa ai primitivi aghi magnetici, specialmente in una nave piena di cannoni di ferro.

Pietra del Sole vichinga
Vichinghi in America: viaggi e insediamenti a Vinland

Il longherone islandese o pietra del sole vichingo.

Il solarsteinn o pietra del sole

Un altro elemento da tenere in considerazione per quanto riguarda l’orientamento dei marinai vichinghi è la famosa pietra del sole. Questo oggetto forse magico è citato in alcuni testi contemporanei. Tra questi, nel seguente frammento della Saga di Sant’Olaf . In esso, alcuni vichinghi si perdono a bordo di una nave lunga .

«Il ritmo era molto nuvoloso. Stava nevicando. Re Olaf ha mandato qualcuno a dare un’occhiata, ma non c’era un punto chiaro nel cielo. Allora il re prese la sua pietra dal sole, alzò gli occhi al cielo e vide da dove proveniva la luce, dalla quale indovinò la posizione del sole invisibile”.

Molto è stato speculato sulla vera natura della pietra solare vichinga, e ora sembra che i ricercatori abbiano trovato la soluzione.

Come funziona la bussola vichinga

Il compasso usato dai Vichinghi era composto da due elementi: da un lato, un disco di legno con al centro un’asta verticale; d’altra parte, da una pietra del sole. Questa pietra era il longarone islandese , un minerale trasparente con doppia rifrazione che permette di rilevare facilmente il sole. Anche se è nuvoloso o il sole è appena tramontato, questa varietà di calcite levigata polarizza i raggi ultravioletti in modo che sia più facile rilevarne l’origine. Semplicemente, dove si trova il Sole, vedi una macchia bluastra sul vetro.

Una volta individuato il sole grazie alla pietra del sole, i navigatori vichinghi segnavano la loro posizione sul disco di legno. Come se il sole fosse visibile, segnavano l’ombra che sarebbe emanata dal polo centrale. Grazie a questo, hanno individuato i punti cardinali.

Il team ungherese che ha delineato questa ipotesi ha condotto esperimenti con queste pietre solari ed è stato in grado di individuare il nord con un margine di errore di 4 gradi. Inoltre, il metodo funzionava ancora circa 50 minuti dopo il tramonto . Una prova che la bussola Viking potrebbe funzionare in condizioni meteorologiche avverse.


Logicamente, quando c’era il sole, bastava usare il disco di legno, che veniva posto galleggiante su un contenitore sul palo per restare orizzontale. L’ombra del bastone indicava chiaramente Est-Ovest.

Vichinghi in Groenlandia

Alcuni studiosi indicano alternative al longarone islandese, un materiale che non è presente in Norvegia, Danimarca e Svezia. Ciò significherebbe che i Vichinghi hanno navigato per secoli senza l’aiuto della loro famosa bussola fino a quando non hanno scoperto l’Islanda. Tra le alternative citate ci sono cordierite, andalusite, tormalina e staurolite. Sono tutti minerali che cambiano colore quando assorbono più luce.

Scudo vichingo