Skip to content
Vichingo.top

Le Valchirie, le Elettori degli Eroi

Selezionando i più coraggiosi

Ogni guerriero vichingo desiderava essere raccolto dalle valchirie e condotto nel Valhalla. Queste potenti Amazzoni occupano un ruolo essenziale nella mitologia norrena.

Chi erano le Valchirie?

Le Valchirie o Valchirie erano  dísir o divinità femminili minori che servivano Odino. Il suo ruolo era quello di osservare le battaglie e poi scegliere il più coraggioso tra coloro che morivano in combattimento . Gli eletti furono chiamati einherjer e i loro spiriti furono trasportati nel Valhalla. In questa sala di Asgard godevano di continue feste e della bellezza delle Valchirie, che servivano loro idromele. Gli einherjer sono destinati a combattere a fianco degli dei nel Ragnarök.

In alcuni testi, la dea Freya guida le valchirie . In effetti, lei rivendica la metà di coloro che sono stati uccisi in battaglia, che vanno al suo palazzo Fólkvangr. Casualmente, in alcune saghe le Valchirie appaiono come amanti degli eroi o dei mortali.

Non è possibile confermare quante valchirie ci siano nella mitologia norrena. A volte formano gruppi di nove, un numero molto significativo per i vichinghi. Di seguito forniamo esempi di valchirie denominate che compaiono in alcuni testi.

Cosa significa “Valchiria”?

La parola Valkyrie, in antico norreno  valkyrja (plurale valkyrjur ), significa “colei che sceglie i caduti in battaglia”. Il termine originale è composto da due parole:  valr o “ucciso in battaglia” e  kjósa o “scegli”. Alcuni epiteti applicati a loro nei poemi antichi sono “servi di Odino” o “servi dei desideri”.

Nei testi norreni sopravvissuti non troviamo alcun riferimento esplicito a una possibile origine comune delle Valchirie. Tuttavia, viene spiegato che alcune particolari Valchirie avevano genitori mortali. Ad esempio, nella Canzone di Helgi Hjörvarðsson ci sono nove Valchirie guidate da una chiamata Sváva. Si dice che fosse la figlia di un re di nome Eylimi. In questo stesso testo, più avanti, le Valchirie sono comandate da Sigrún, figlia del re Hogni. Allo stesso modo, Brunhildr o Brynhildr della  Völsunga Saga è una valchiria figlia di un re.

Va notato che, a volte, alcune donne mortali venivano chiamate Valchirie per una licenza poetica. D’altra parte, in altre fonti troviamo una certa confusione tra Valchirie e Norne: a Skuld viene attribuito sia un ruolo integrale delle Norne che un lavoro di Valchiria.

"Valchirie a cavallo in battaglia", del pittore svedese Johan Gustaf Sandberg

“Valchirie a cavallo in battaglia”, del pittore svedese Johan Gustaf Sandberg.

Fenrir, il temibile lupo figlio di Loki

Vingólf: la dimora delle Valchirie

La residenza delle Valchirie è Vingólf (“stanza piacevole” o “sala del vino”), situata vicino al Valhalla. Questo luogo è menzionato tre volte nel corso di Snorri Sturluson Edda in prosa , anche se la funzione attribuita a è multiplo. Innanzitutto, si dice che sia la dimora degli einherjer . D’altra parte, è descritto come un santuario per le Valchirie. Si dice, infine, che ospiti i banchetti degli dei.

Odino è chiamato “il padre di tutti” perché è il padre di tutti gli dei. È chiamato anche “Padre dei caduti”, perché tutti coloro che sono caduti in battaglia sono suoi figli adottivi; per loro ha riservato Valhalla e Vingólf, e sono chiamati einherjars. ‘ Gylfaginning , Edda prosaica .

La sua utilità per ospitare feste per gli dei è citata anche nel poema islandese Hrafnagaldur Óðins.

 

Vichinghi in America: viaggi e insediamenti a Vinland

Aspetto e rappresentazione delle Valchirie

Si dice che le valchirie assomiglino a donne giovani, belle e forti . Indossano armature, elmi e lance. Sono eccellenti Amazzoni, possiedono una forza sovrumana e si distinguono per il maneggio della lancia, della spada o dell’arco. Si dice che le loro armature brillassero così luminose da riflettere una luce potente e strana che illuminava anche di notte: l’aurora boreale.

L’immagine che abbiamo delle Valchirie è che montavano cavalli alati. Tuttavia, alcuni esperti sottolineano che potrebbero cavalcare i lupi . Sostengono questa ipotesi nell’espressione “cavallo valchiria”, che in alcuni poemi nordici era equivalente al lupo. D’altra parte, questo sarebbe legato al comportamento dei lupi, che andavano in battaglia a cercare tra i cadaveri dei guerrieri.

Valhalla di Emil Doepler

‘Valhalla’, illustrazione di Emil Doepler in cui gli einherjer sono serviti dalle valchirie.

Nomi di valchirie

I nomi delle singole valchirie possono essere trovati in vari miti e poesie. Ecco un elenco con esempi e il significato dei loro nomi.

  • Brunhilda o Bryinhildr: “armatura da battaglia”
  • Hilda o Hildr: “battaglia”
  • Sigrdrífa: “colui che porta la vittoria”
  • Sigrun: “runa della vittoria”
  • Ölrún: «strana runa»
  • Þrúðr: “forza”
  • Svava: “sueva”
  • Gunnr: “guerra”
  • Göndul “portatore della verga”
  • Nebbia «nuvola»
  • Skuld: “debito” o “futuro”
  • Skögul «agitatore»
  • Hlökk “rumore”

Influenza successiva

I migliori film di Vichinghi

Come tanti aspetti della mitologia norrena, questi personaggi appaiono nelle opere della cultura popolare. L’esempio più ovvio potrebbe essere  The Valkyrie, un’opera di Richard Wagner composta nel 1856 che contiene il famoso pezzo The Ride of the Valkyrie . Li possiamo trovare anche in numerosi dipinti, nel fumetto di  Thor e persino nei videogiochi a tema vichingo come God of War.

L'attacco vichingo a Lindisfarne