Skip to content
Vichingo.top

L’origine vichinga della tecnologia Bluetooth

Hai mai notato che il simbolo del Bluetooth sembra una runa norrena? Usiamo questa tecnologia ogni giorno e la verità è che dietro il suo logo angolato c’è una storia di vichinghi. Infatti, non solo il simbolo ma anche il nome stesso di Bluetooth ha origine scandinava.

Nello specifico, il nome di questa connettività è ispirato al re Harald Gormsson, soprannominato Blåtand o Blue Tooth . È il re di Danimarca tra il 958 e il 986 e assunse anche il trono di Norvegia dal 970.

Harold Bluetooth

Chi era Harald Blue Tooth?

Harald Gromsson (936-986) era figlio di Grom il Vecchio, dal quale ereditò la corona di Danimarca. Consolidò il suo dominio in questa regione nordica, unificando i vari clan danesi e costruendo fortezze. Si convertì al cristianesimo intorno all’anno 960, come condizione per salvarsi la vita dopo una sconfitta davanti all’imperatore del Sacro Romano Impero Ottone I. Tuttavia, la leggenda narra che ricevette il battesimo dopo un miracolo in cui un sacerdote cristiano riuscì a sostenere nel passare un ferro caldo senza subire danni. Comunque sia, Harald Blue Tooth espanse l’area di influenza della Danimarca con alcuni vassalli e riuscì persino a proclamarsi re di Norvegia.

E perché si chiamava Blue Tooth? Ci sono due teorie principali. Il primo e più accettato è che avesse un dente blu o nero a causa di una malattia . Alcuni esperti indicano la malattia emolitica del neonato (HDN) o l’eritroblastosi fetale. L’altra ipotesi spiega che aveva la pelle e i capelli scuri ( blå , significa scuro in antico norreno), un tratto raro in Danimarca. Quando tradotto in inglese nelle successive cronache sassoni, Blåtand fu erroneamente interpretato come Bluetooth, “dente blu”.

Il braccialetto vichingo: un premio per i migliori guerrieri

Perché Harald Blåtand ha chiamato la tecnologia Bluetooth?

Negli anni ’90 è stato creato un consorzio di aziende per creare una tecnologia in grado di trasmettere dati tra dispositivi in ​​modalità wireless. Ericsson, Nokia, IBM, Intel e Toshiba sono stati i membri fondatori del cosiddetto Bluetooth Special Interest Group. E dove hanno preso il nome?

Sembra che Jim Kardach, uno degli sviluppatori che hanno partecipato al progetto, stesse leggendo The Long Ships , romanzo di Frans G. Bengtsson in cui re Harald Gromsson unificava tutte le tribù danesi. Kardach ha tracciato un’analogia in cui, come Harald Blue Tooth ha unito i danesi, la tecnologia Bluetooth ha unito i dispositivi .

Formazione del logo Bluetooth

Formazione del logo Bluetooth unendo le rune hagall (h) e bjarkan (b).

Sebbene questo nome fosse provvisorio, alla fine le società del consorzio hanno concordato che Bluetooth sarebbe stato il nome definitivo. Per disegnare il logo si è proceduto ad una fusione di due rune norrene o lettere vichinghe: H e B in onore delle iniziali di Harald Bluetooth.

L'altare di Ásatrú

Ora sai che c’è un po’ di storia vichinga sul tuo smartphone. E, in più, hai un aneddoto curioso da raccontare.