Skip to content
Vichingo.top

Navi Vichingue

Los Drakkar y los Snekkar

Situati in una penisola con temperature fredde e terre poco fertili, i vichinghi avevano bisogno del mare per sopravvivere. Le navi vichinghe solcavano i mari prima per pescare, poi per commerciare e infine per saccheggiare. Scarsità di risorse, scarsa resa agricola dei raccolti e sovrappopolazione sono le cause che gli storici hanno suggerito per spiegare l’inizio del saccheggio vichingo. In alcuni casi, i vichinghi stabilirono colonie nelle terre saccheggiate, mentre in altri tornarono semplicemente a casa. Grazie al design avanzato delle navi e alle nuove tecniche di navigazione, i vichinghi passarono dalla pesca di aringhe e merluzzi al dominio delle acque. Canoe e barche di pelle hanno lasciato il posto a navi di legno mai viste prima.

 

Storia della nave vichinga

I vichinghi divennero i migliori navigatori ed esploratori dell’Alto Medioevo. Hanno navigato nel Mediterraneo fino all’impero bizantino. Ma si avventurarono anche in mare aperto, e colonizzarono territori come l’Islanda, la Groenlandia, raggiungendo l’attuale Canada. Le navi vichinghe furono fondamentali per lo sviluppo del commercio e l’ascesa militare degli scandinavi. Senza di loro, l’epoca vichinga non sarebbe mai esistita. Nave vichinga nel Museo Vichingo di Oslo.

Le prime navi vichinghe

Nella storia delle navi vichinghe troviamo un punto di svolta intorno al VII secolo. È allora che gli scandinavi cominciarono a implementare la vela nelle loro navi. Probabilmente a causa di contatti con i Frisoni, un popolo che abitava la zona costiera settentrionale dell’attuale Germania e Olanda. Così, i primi riferimenti di navi vichinghe a vela si trovano nelle stele funerarie della fine del VI secolo. Fino ad allora, i vichinghi usavano i remi per spingersi. Questa risorsa primitiva continuava ad essere utilizzata quando non c’era vento, ma logicamente la vela permetteva viaggi più lunghi e più veloci. Questo è il momento in cui le spedizioni attraverso l’Atlantico del Nord sono diventate possibili. Ricordiamo che l’era vichinga iniziò nel 793, quando ebbe luogo l’attacco e il saccheggio del monastero di Lindisfarne (nel nord dell’Inghilterra). Nel corso dei secoli, il design e la costruzione delle navi vichinghe furono perfezionati. Non solo, ma sono state sperimentate nuove tecniche di navigazione.

Simboli vichinghi e loro significato

 

Navigatori di fiume

Ma i vichinghi non furono solo pionieri nella navigazione in mare aperto. Erano anche specialisti nella navigazione dei fiumi per attaccare le città dell’interno. Per fare questo, la nave vichinga doveva avere una grande manovrabilità e dimensioni adeguate. Il drakkar e lo snekkar erano lunghi ma stretti, con poco peso e poco pescaggio. Questo permetteva loro di seguire il corso dei fiumi e di costeggiare le coste con precisione. Inoltre, potevano spingere le loro navi via terra quando necessario. La grande navigabilità delle loro navi permetteva loro di stabilire rotte commerciali in tutta Europa e di tramare attacchi e saccheggi di villaggi remoti. Per citare alcuni esempi, i vichinghi attaccarono Siviglia risalendo il Guadalquivir, e raggiunsero anche Parigi navigando la Senna.

Significato dei tatuaggi vichinghi

 

Tipi di navi vichinghe

Quando si parla della tipologia delle navi vichinghe, dobbiamo essere chiari sul fatto che c’erano diversi tipi a seconda delle funzioni che avevano. Con dimensioni e caratteristiche adatte ad ogni scopo. Da un lato, dobbiamo menzionare le navi per il commercio e il trasporto di merci. D’altra parte, abbiamo le navi mercantili. In tutti i casi, la nave vichinga era un vascello con lo scafo fissato. Cioè, le tavole che compongono lo scafo sono sovrapposte l’una sull’altra invece di essere allo stesso livello. Così, le vecchie navi nordiche non usavano telai. Per saldare i giunti, i costruttori usavano del muschio impregnato di pece.

 

Drakkar e snekkar: navi da guerra vichinghe

Le navi da guerra vichinghe più conosciute erano il drakkar e lo snekkar, che letteralmente significa “draghi” e “serpenti”. Queste navi hanno seminato il terrore nell’Atlantico del Nord per secoli.

I vichinghi diffondono la lebbra in Irlanda

 

Drakkar, il terrore dei mari

Il drakkar, noto anche come långskip, è la nave vichinga che meglio ha mostrato la potenza navale degli scandinavi. Veniva usato sia nelle incursioni costiere che in quelle interne. La parola drakkar, che significa “draghi”, si riferisce alle maschere mostruose che queste navi vichinghe portavano sulle loro prue. Oltre all’estetica, la funzione di queste figure era quella di intimidire. I drakkar erano decorati con motivi di piante e animali. Erano leggeri, veloci e stretti. Avevano un pescaggio così basso che potevano navigare in acque profonde un metro. Erano, quindi, il mezzo perfetto per le incursioni a monte e lo sbarco dei guerrieri. In caso di necessità, la barca poteva anche essere trasportata via terra. I lati della barca erano remati da remi. La vela era il metodo di propulsione utilizzato nei lunghi viaggi, ma in combattimento era necessario ricorrere alla forza dei rematori. Essendo navi strette, non erano esattamente abitabili. Eppure i vichinghi sono riusciti ad attraversare l’Oceano Atlantico con loro. La loro velocità raggiunse i 14 nodi, una pietra miliare per l’epoca. Curiosamente, nelle isole Lofoten (Norvegia), le barche da pesca sono ancora fatte seguendo le stesse tecniche di costruzione del Drakkar.

Le Valchirie, le Elettori degli Eroi

Snekkar, la nave da guerra vichinga per eccellenza

Lo snekke, plurale snekkar, era una delle più grandi navi da guerra costruite dai vichinghi. Aveva un pescaggio più profondo del drakkar, poiché era stato progettato per navigare nell’Atlantico del Nord. In termini di dimensioni, queste navi potevano raggiungere i 30 metri di lunghezza, con spazio per 40 remi. Hanno fornito spazio per 90 guerrieri. Allo stesso modo, gli snekkar erano progettati per essere leggeri, potendo essere trasportati via terra quando necessario.Viking Snekke.

Knarr: le navi mercantili dei vichinghi

Queste navi mercantili sono i knarr, chiamati anche knorr o knörr. Non dimentichiamo che il commercio era una delle principali attività dei vichinghi. Erano navi robuste e lente, con spazio per contenere pellicce, schiavi o prodotti caseari. Erano lunghi fino a 16 metri e avevano una capacità fino a 24 tonnellate di carico. Durante l’epoca vichinga, i knarr attraversavano regolarmente il Nord Atlantico commerciando merci tra le colonie vichinghe e le loro metropoli.