Skip to content
Vichingo.top

Numeri nella mitologia nordica

Il numero tre nella mitologia norrena

Il numero tre è il primo dei numeri nella mitologia norrena che appare correlato a diversi personaggi, eventi e divinità: a

– Le tre divinità principali dell’era vichinga che formano un’unità trinitaria: Odino, Thor e Freyr.

– Le tre razze di giganti (jotun): giganti delle montagne, giganti del ghiaccio e giganti del fuoco.

– I primi esseri dell’universo furono tre: Buri il primo dio, Auðumbla la prima mucca e il gigante Ymir.

– La mucca Auðumbla leccò il ghiaccio di Ginnungagap finché il dio Buri non si alzò.

– Ymir aveva tre figli, una donna e due uomini, uno dei quali era nato con sei teste.

– Ci sono tre Norne (dee nordiche del destino): Urðr (è il passato ed è rappresentato con una vecchia che guarda indietro, Verðandi (il presente, è una giovane donna che guarda avanti e Skuld (il futuro, rappresentato leggendo un libro che è non ancora Tutti e tre discendenti del gigante Narfi.

– Tre divinità fratelli: Odino, Vili e Ve hanno creato il mondo e i primi esseri umani.

– Yggdrasil, l’albero della vita, ha tre radici che si nutrono di tre luoghi sacri: il pozzo di Urd, la sorgente di Mimir, dove la saggezza e l’intelligenza sono riparate, e Hvergelmir nel regno dell’oscurità e dell’oscurità.

– Nella ricerca delle rune, Odino (il dio principale della mitologia nordica) ha subito tre prove: si è impiccato, si è ferito con una lancia e ha sofferto di fame e sete.

Loki (l’intelligente maestro dell’inganno) aveva tre bambini malvagi con la gigantessa Angrboda: il lupo Fenrir, il serpente Jörmungandr e Hel.

– Tre inverni rigidi, senza estati intermedie, anticiperanno Ragnarök, la battaglia della fine del mondo.

– Il lupo Fenrir (figlio di Loki) era attaccato con tre corde magiche, ma solo una riuscì a tenerlo legato. L’arrivo di questo sarà annunciato dal canto di tre galli.

– Dopo la morte del dio Balder per i misfatti di Loki, quest’ultimo fu punito dagli dei. Usarono le viscere del figlio Narfi per fare tre funi e legarlo a tre blocchi di pietra.

– Gli dei hanno bruciato la dea o gigantessa Gullveig 3 volte e lei è resuscitata tutte e tre le volte.

– Il ponte arcobaleno che collega Midgard (il mondo degli uomini) e Asgard (il regno degli dei) ha tre colori, tre nomi (Bifröst, Ásbrú e Bilröst) e il suo guardiano, Heimdal, tre poteri: dorme meno di un uccello, può vedere cento leghe e può sentire l’erba che cresce.

Odin ha tre possessi: Il Gungnir lancia, l’ oro Draupnir anello, e lo Sleipnir cavallo.

– Thor ha tre armi: il martello Mjolnir, la cintura Megingjörð che raddoppia la sua forza e i guanti d’acciaio per maneggiare il martello.

Frigg, moglie di Odino e dea della fertilità

– Freyr ha tre possedimenti magici: una nave che funge anche da fazzoletto e può essere riposta in una borsa (Skidbladnir), un cinghiale d’oro (Gullinbursti) in grado di correre giorno e notte più velocemente di un cavallo e una spada in grado di combattere da solo. ( Skirnir).

– Freyja ha tre beni: la collana Brisingamen, un mantello con cui può trasformarsi in un falco e un carro trainato da due gatti.

– Tre potenti pozioni Thor beve da un corno nella fortezza di Útgarda-Loki, in una scommessa, ma ha abbandonato quando non è stato in grado di svuotare il contenuto, e tre erano le scommesse (che ha perso), le altre due dovevano alzare una jack per una gamba lasciandone tre a terra e sconfiggendo una vecchia in battaglia. Poi si rese conto che il corno conteneva tutta l’acqua del mare, il gatto era Jörmungandr e la vecchia, la personificazione della vecchiaia che nessuno può sconfiggere.

– Thor ha colpito il gigante Skrýmir tre volte con il suo martello Mjolnir perché il suo russare non gli ha permesso di dormire ma, a causa della magia, gli sono mancati tutti e tre.

– Il gigante Hrimthurs ha promesso di costruire le mura di Asgard in tre stagioni. Come pago ha chiesto il Sole, la Luna e la dea Freyja come sua moglie.

– Odino trascorse tre giorni nella grotta della gigantessa Gunlod per ottenere l’idromele della poesia. Gli lasciò prendere un sorso da ciascuno dei tre vasi, anche se Odino ne bevve l’intero contenuto.

– Tre nani figli di Ivaldi hanno creato tre oggetti prodigiosi: la nave Skíðblaðnir di Freyr, la lancia Gungnir di Odino e i capelli d’oro di Sif.

– I nani Eitri e Brokk hanno anche creato tre oggetti prodigiosi: Gullinbursti il ​​cinghiale di Freyr, Draupnir l’anello di Odino e mjolnir il martello di Thor.

Il numero nove nella mitologia norrena

Nove è il numero per eccellenza nella religione vichinga, sono innumerevoli gli eventi e i personaggi legati a questa figura sacra:

– Odino si è impiccato a testa in giù da una forca del frassino Yggdrasil per nove giorni e nove notti in cambio della saggezza del pozzo di Urd.

– Yggdrasil, l’albero della vita, racchiude nei suoi rami nove mondi: Helheim, Svartálfaheim, Niflheim, Jötunheim, Midgard, Vanaheim, Alfheim, Asgard e Muspelheim.

– Nove sono anche i regni celesti: Vindblain (anche Heidthornir o Hregg-Mimir), Andlang, Víðbláinn, Vidfedmir, Hrjod, Hlyrnir, Gimir, Vet-Mimir e Skatyrnir.

– I vichinghi si incontravano ogni nove anni al tempio di Uppsala per banchettare e sacrificare nove animali di ogni specie e nove umani per nove giorni.

– Freyr ha aspettato nove giorni per consumare la sua unione con la gigantessa Gerd.

– La volva (sacerdotessa) Gróa condivide nove incantesimi con suo figlio Svipdag.

– Thor, dopo aver ucciso il serpente Jörmungandr, viene colpito dal suo veleno e si ritira di nove passi prima di cadere morto durante il Ragnarök, la battaglia della fine del mondo.

– La gigantessa Menglod è sorvegliata da nove fanciulle nella sua prigionia in The Song of Svipdagr . Nella seconda parte della poesia, Laegjarn è legato con nove fermagli sul petto.

– Per accendere la fiamma ardente (un sacrificio che i nordici pagani offrivano ai loro dei) era necessario utilizzare nove diversi tipi di legno.

– L’anello Draupnir di Odino ha la capacità di moltiplicarsi ogni nove notti in otto nuovi anelli identici identici a lui, per un totale di nove anelli.

– Grímnir, una delle tante identità del dio Odino, trascorre nove giorni prigioniero del re Geirröd. L’ultimo giorno rivela la sua identità e assassina il monarca.

– Ægir e Ran hanno nove figlie, “le fanciulle delle onde”. Attirarono le navi vichinghe e le annegarono.

– Il dio Heimdal, figlio di Odino, ha nove madri gigantesche.

– Per liberare il dio Balder degli inferi, il dio Hermod, dovette cavalcare il cavallo Sleipnir per nove giorni.

– Il jotun (gigante) Baugi aveva 9 schiavi che si uccidevano a vicenda per ottenere la pietra magica per affilare appartenente al dio Odino.

– Per decidere dove vivere, il dio Njord e sua moglie Skadi, trascorsero nove notti a Thrymheim e nove notti a Nóatún.

– Il gigante Þrívaldi aveva nove teste.

– Il gigante di argilla Mökkurkálfi, ucciso dal dio Thor con il suo martello Mjolnir, era alto nove leghe e largo tre.

– Il simbolo valknut ha nove punte, distribuite su tre triangoli intrecciati.

– Solo nove dei sopravvivono dopo Ragnarök.

– Nella leggendaria saga di Víkingssonar, l’eroe vichingo aveva nove figli e tanti quanti il re Njorfe di Oppland.

– Il re Dag aveva nove figli.

Simboli vichinghi e loro significato

Questi due numeri nella mitologia norrena, come il resto dei numeri, sono rappresentati con i loro simboli corrispondenti delle rune.