Skip to content
Vichingo.top

Odino, il dio vichingo della guerra e della saggezza

Il re degli dei

Il dio della saggezza, della guerra e della poesia era anche il capo degli  æsir . Una delle divinità più importanti del pantheon nordico, protagonista di molti miti e alla quale veniva tributato molto culto.

Odino è considerato il  re degli dei  nella mitologia norrena. Non solo ha un ruolo preponderante in Asgard, ma è anche il padre di altri dei di grande importanza come Thor o Balder.

Si tratta di una divinità con un curioso contrasto. Da un lato, era arrabbiato ed energico. No, invano, era il dio della guerra. Per questo motivo, durante i combattimenti, i Vichinghi gli chiesero il suo aiuto per raggiungere la vittoria . Inoltre, a volte venivano fatti sacrifici umani di prigionieri in suo onore.

D’altra parte, Odino era considerato il dio più saggio di tutti. Ha sacrificato il suo occhio per acquisire conoscenza . In ogni caso, incarna lo spirito di auto-miglioramento e premia sempre i guerrieri intrepidi capaci di combattere coraggiosamente e disposti a morire per entrare nel Valhalla.

Le origini e la genealogia di Odino

Il dio nordico Odino è il figlio del dio Bor e della gigantessa Bestla. Pertanto, è il nipote di Buri, il primo dio della mitologia scandinava.

Ha due fratelli: Ve e Vili. A sua volta, è sposato con Frigg e ha un lignaggio variegato con altre donne. Quindi, tra le loro relazioni possiamo trovare:

  • Frigg , simbolo di terra coltivata. Con lei ebbe tre figli: Hermod, Hoder e Balder .
  • Jörð , un jotun che incarna la terra disabitata. Tra i suoi discendenti troviamo Thor e Meili.
  • Rind , una gigantessa che rappresenta la terra ghiacciata. È la madre di Vali.
  • Gríðr , un jotun con il quale generò Viðarr.
  • Gunnlod , una gigantessa con cui ha avuto Bragi.

Rappresentazione di Odino

Senza dubbio, l’attributo principale che ci permette di distinguere Odino è che aveva un occhio solo . Inoltre, questo dio vichingo era solitamente rappresentato con un elmo d’oro, una corazza d’oro e la sua lancia Gungir , forgiata dai nani e impossibile da fermare. È anche comune vederlo accompagnato dai corvi Hugin e Munin, così come dal suo velocissimo cavallo a otto zampe Sleipnir.

La sua residenza principale è Valaskjalf, ad Asgard . È un superbo palazzo con un tetto d’argento che ospita l’Hliðskjálf, un trono dal quale Odino osserva i 9 mondi. In sua assenza, sono i suoi fratelli Vili o Ve che governano.

Un altro luogo frequentato da Odino è il  Glaðsheimr , una sala riunioni dove si incontravano tutti gli æsir . Nelle vicinanze c’era Valhalla, che è la residenza di valorosi guerrieri morti in combattimento.

Glima, l'arte marziale dei Vichinghi

Odino aveva una moltitudine di soprannomi, tra cui spiccano “il padre di tutto” o Alfader , Bjørn o l’orso, Hertyr o il dio dei guerrieri, Gizul o l’ indovino e Sadr o colui che dice la verità.

L’acqua che ha bevuto dal pozzo gli concede tutta la conoscenza passata, i suoi due corvi, Munin e Hugin (Memoria e Pensiero, che ogni giorno volavano a raccogliere notizie da tutto il mondo ed erano il prolungamento dei suoi occhi e delle sue orecchie), e la sua trono Gli concedono la conoscenza presente e il dono di vedere il destino degli uomini che la dea Freyia gli ha insegnato gli dà la conoscenza futura.

Illustrazione di Odino del pittore svedese Georg von Rosen (1886)

Miti di Odino

Il ruolo di Odino nella creazione del mondo

Insieme a Vili e Ve, Odino ha contribuito a plasmare Midgard. I tre fratelli uccisero il gigante primordiale Ymir , e con il suo corpo gigantesco crearono il mondo. Con le ossa ei denti formarono le montagne; con il loro sangue e sudore, i fiumi ei laghi; i cervelli servivano a comporre le nuvole; il cranio, sorretto da quattro nani (corrispondenti ai punti cardinali) è la volta celeste.

Come possiamo vedere, il ruolo di Odino nella mitologia norrena non è secondario. Non solo è l’autore di Midgard insieme ai suoi fratelli, ma i tre hanno deciso di creare gli umani . Prendendo due tronchi d’albero, Odino vi soffiò un alito di vita; Vili ha dato loro un cervello e dei sentimenti; Abbiamo terminato il lavoro dando loro la vista, l’udito e gli altri sensi. Nacquero così il primo uomo e la prima donna, rispettivamente Ask ed Embla.

Nove giorni appesi da Yggdrasil per conoscere le rune

Le Norne intagliano rune magiche nel tronco di Yggdrasil. Con una sete infinita di conoscenza, Odino si propone di scoprire i segreti di questa scrittura. Era il caso che le rune apparissero solo quando qualcuno forniva campioni di valore ineguagliabile . Di conseguenza, intraprende un piano pericoloso: si ferisce con la sua lancia e si impicca a un ramo di Yggdrasil.

Così rimane per nove giorni, vietando a chiunque di aiutarlo. Infine, sull’orlo della morte, le rune apparvero sotto i suoi piedi . Il dio li contemplava, memorizzandone i misteri nella sua mente prodigiosa, e da allora acquisì poteri magici.

Raggiungere la saggezza costa un braccio e una gamba

Un altro episodio mitologico molto popolare con protagonista Odino ha a che fare con l’acquisizione della conoscenza. Sotto le radici di Yggdrasil c’è il Pozzo di Mimir , un pozzo di saggezza custodito dal gigante Mimir.

Odino si recò lì per bere dalle sue acque e ottenere una borsa di studio. Tuttavia, Mimir gli ha chiesto in cambio un grande sacrificio. Dio offre il proprio occhio per raggiungere la conoscenza . Così, diventa il personaggio più saggio, che conosce tutto tranne il futuro.

Odino nel Ragnarök

Come sappiamo, nella battaglia finale ci sarà uno scontro tremendo tra le forze guidate da Odino e quelle comandate da Loki e Surt. Nemmeno lo stesso Odino sopravviverà a un tremendo confronto. Il destino è fissato e nemmeno il padre degli dei potrà fuggire.

 

Frigg, moglie di Odino e dea della fertilità

In Ragnarök, Odino muore di fronte al temibile lupo Fenrir, che lo divora. Suo figlio Viðarr lo vendica uccidendo l’animale: calpesta la mascella inferiore mentre usa le braccia per aprire quella superiore, fino a strapparla.