Skip to content
Vichingo.top

Vichinghi a Parigi: attacchi e saccheggi

L’età vichinga si svolse  tra il 789 e il 1100 , periodo in cui vi furono numerosi attacchi in varie parti del mondo. L’Europa è un territorio che è stato colpito da questi attacchi vichinghi e Parigi, la capitale francese, è un esempio di tali battaglie. Se sei interessato a saperne di più sugli attacchi dei vichinghi a Parigi , continua a leggere quello che stiamo per dirti.

 

845: Ragnar Lodbrok conduce i vichinghi a Parigi

La prima cosa da tenere a mente è che Parigi non era ancora la capitale della Francia . A quel tempo, il re franco non aveva una residenza fissa. Si spostava infatti da un punto all’altro a seconda delle esigenze amministrative o delle circostanze del momento. Per questo motivo, il governo e i funzionari sono andati dove è andato il re.

I Vichinghi avevano già attaccato il territorio franco in precedenza, ma era il 28 marzo 845 quando  Ragnar Lodbrok , il protagonista della serie  Vikings , decise di entrare a Parigi attraverso la Senna con 120 navi. Il re tentò Carlo II il Calvo cercò di fermare l’attacco senza successo prima che provocasse gravi conseguenze. I Vichinghi sconfissero le forze locali e presero 111 prigionieri. Questi prigionieri furono impiccati sulla riva, in piena vista dei soldati franchi.

Le forze dei Vichinghi si erano dimostrate superiori, ma Carlo II il Calvo  pagò un tributo in argento e oro che sarebbe stato pari a 7.000 libbre o 2.570 chilogrammi  in cambio del loro ritiro. Il norvegese accettò l’accordo, ma si accamparono nelle vicinanze, aspettando un momento migliore per attaccare la città.

In questo periodo, un’epidemia colpì il gruppo vichingo . Anche se alla fine fu superata, la malattia causò numerose morti da parte di Ragnar Lodbrok. Il caudillo fu costretto a ritirarsi, ponendo così fine alla prima incursione vichinga a Parigi.

vichingo attacco parigi

L’assedio di Parigi, raccolto sull’Ile de la Cité, richiese l’ingegno da parte dei Vichinghi.

885: Rollo esegue un assedio vichingo a Parigi

Decenni dopo questo grande raid, la situazione in Francia prese una brutta piega. Il re Luigi III era morto e l’impero dei Franchi era disunito . Questa instabilità politica era perfetta per una nuova visita vichinga a Parigi.

Nell’882, i norvegesi avevano già attaccato Rouen. Parigi aveva ora ponti e fortificazioni più moderni , ma ciò non impedì ai Vichinghi, con Rollone e Sigfrido a capo del gruppo, di arrivare sulla Senna nel novembre 885. C’erano 700 navi.

Se la situazione per quanto riguarda il trono era caotica, la difesa della città parigina non lo era da meno. Ugo l’Abate, che fino ad allora era incaricato della protezione di Parigi, si ammalò e morì mesi dopo. Gozlin, il vescovo Gozlin di St-Denis, e Eudes, il conte di Parigi, subentrarono. Il primo sarebbe morto durante l’assedio della peste, quindi fu Eudes ad essere finalmente incaricato di difendere la città.

Scudo vichingo

Dobbiamo sottolineare che  l’obiettivo principale della spedizione di Rollo non era Parigi , ma la Borgogna. Tuttavia, per raggiungere questo ricco territorio gli scandinavi dovettero sbarazzarsi delle fortificazioni dei ponti di Parigi per risalire la Senna con le loro navi vichinghe . Di fronte a questo inconveniente, iniziò l’attacco alla città.

Tattiche d’assedio per superare le fortificazioni

I Vichinghi decisero di assediare Parigi, stabilendo un accampamento presso l’Abbazia di Saint-Germain-l’Auxerrois. Tra le altre tattiche, gli uomini di Rollo costruirono persino una torre d’assedio per cercare di prendere quelli che si trovavano in testa ai ponti. Gli attacchi avvenivano costantemente, ma i parigini continuavano a resistere. Abbo, un monaco che ha assistito all’assedio, racconta che il vescovo Gozlin stesso si lanciò in combattimento, facendo tornare i vichinghi alle loro posizioni iniziali.

In inverno, l’assedio era ancora in fase di stallo e si ritiene che i Vichinghi abbiano organizzato un altro grande attacco a febbraio. Tuttavia, nemmeno allora riuscirono a prendere le torri. Tentarono anche di attaccare il Petit-Pont con  navi in ​​fiamme , ma affondarono prima che avessero il tempo di raggiungere il loro obiettivo.

Tuttavia, nel febbraio 886 ci fu un colpo di fortuna per i Vichinghi: un’alluvione della Senna travolse il Petit-Pont. Non solo, ma un’epidemia di peste a Parigi ha ucciso Gozlin e molti altri cittadini.

Lo sfortunato intervento di Carlos III 

Il conte Eudes, di fronte a tali fatalità, chiese aiuto a re Carlo. Il monarca inviò un esercito comandato da Enrico di Sassonia, uno dei suoi uomini principali. Ma questo morì in circostanze strane e le sue truppe fuggirono perdendo il loro capo. Era già estate quando Rollo ei suoi vichinghi lanciarono un altro grande attacco a Parigi, che fu nuovamente respinto.

Nell’ottobre 886, quasi un anno dopo l’inizio dell’assedio vichingo di Parigi, l’imperatore Carlo arrivò con un grande esercito. Invece di combattere i nordici, il monarca francese firmò un patto con loro: pagò loro un tributo di 700 libbre d’argento e permise loro di proseguire per la Borgogna.

I Vichinghi accettarono un trattamento così generoso e ripresero il loro viaggio in Borgogna. Quando finirono di devastare questa regione, tornarono a Parigi per attaccarla di nuovo . I parigini reagirono difendendo la loro città fino alla partenza degli invasori.

L’eroica difesa di Eudes si diffuse in tutto il regno e il conte raggiunse una grande fama. Al contrario, tra la gente crebbe una grande avversione per l’imperatore  Carlos III el Gordo, bollato come un vigliacco e un incapace. Infatti, Carlos sarebbe stato deposto dal trono nell’887 e il suo impero sarebbe stato disintegrato in vari regni. Eudes fu proclamato re della Francia occidentale.

Altri attacchi vichinghi a Parigi

Sebbene abbiamo evidenziato questi due attacchi, non erano affatto gli unici. C’erano molti altri attacchi vichinghi a Parigi . Uno di questi avvenne nell’856, quando i norvegesi presero Clermont. La terza presa della città avvenne nell’861.

D’altra parte, è necessario parlare dei Normanni , conquistatori della Scandinavia, e per lo più Vichinghi danesi, che si stabilirono nel nord-est della Francia. Ricevettero quello che fu poi conosciuto come il Ducato di Normandia dal Re di Francia , al quale avevano giurato fedeltà. Più tardi, nell’XI secolo, i Normanni, insieme ai francesi e ai bretoni, invasero l’Inghilterra.

Il tempio vichingo di Uppsala

L’era  vichinga  abbraccia un lungo periodo di tempo, quindi ci sono molti importanti eventi storici e battaglie intorno ad essa. In questo testo abbiamo voluto concentrarci sugli  attacchi vichinghi a Parigi . Senza dubbio, Parigi è più della Rivoluzione francese o degli eventi compiuti da Napoleone. Il suo passato con i vichinghi è una parte emozionante della storia da non perdere.

Berserker vichinghi: guerrieri d'élite che usavano allucinogeni