Skip to content
Vichingo.top

Vichinghi in Groenlandia

Una delle colonie vichinghe più conosciute era la Groenlandia. Questa gigantesca isola d’America è stata popolata dai norreni per 500 anni fino a quando non è stata improvvisamente abbandonata . Impariamo un po’ di più sulla storia dei Vichinghi in Groenlandia.

 

Chi ha scoperto la Groenlandia?

La prima volta che un europeo trovò la Groenlandia fu intorno all’anno 900. Il navigatore norvegese Gunnbjörn Ulfsson avvistò questa terra per caso mentre cercava di raggiungere l’Islanda . Nello specifico, Ulfsson e il suo equipaggio individuarono alcuni piccoli isolotti che sarebbero diventati noti come Gunnbjörn Escollos. Non sono atterrati su di loro, ma hanno fatto conoscere la loro scoperta alla comunità islandese.

Molto più tardi, le insidie ​​di Gunnbjörn servirono da scalo per i successivi coloni vichinghi groenlandesi. La posizione esatta di questi isolotti è sconosciuta, poiché un’eruzione vulcanica li ha attraversati a metà del XV secolo. Alcuni storici suggeriscono la posizione 69ºN 17ºW, mentre il capitano danese Graah (XIX secolo) la identificò come 65ºN 30ºW . nel XIX secolo. In ogni caso, sappiamo che si trovavano sulla costa sud-occidentale della Groenlandia.

In omaggio, la montagna più alta della Groenlandia si chiama Gunnbjörn.

La colonizzazione vichinga della Groenlandia

Il primo tentativo

Sarebbero passati alcuni decenni prima che qualcuno osasse fare il passo successivo. Nell’anno 978, Snaebjörn Galti guidò una spedizione che tentò di stabilirsi in Groenlandia . Tuttavia, questa avventura sarebbe finita in un disastro: dopo aver trascorso un inverno sulla costa della Groenlandia, i membri della spedizione litigarono tra loro e lo stesso Snaebjörn Galti fu ucciso. Gli unici due sopravvissuti tornarono in Islanda.

Erik il Rosso

Ci vorrebbe fino al 982 per trovare una nuova spedizione vichinga in Groenlandia. Quell’anno, Erik il Rosso (Erik Thorvaldsson) fu temporaneamente bandito dall’Islanda dopo essere stato accusato di omicidio. Di fronte a questa circostanza, Erik decise di tentare la fortuna navigando verso la terra trovata da Gunnbjörn . Ha esplorato la costa sud-occidentale della Groenlandia per tre anni, quindi è tornato in Islanda, riferendo di aver trovato terre a ovest adatte all’insediamento.

Erik il Rosso battezzò la grande isola Groenlandia o Terra Verde . Sebbene sia comune interpretare il nome “Tierra Verde” come un nome attraente per affascinare i coloni, dobbiamo tenere conto di due aspetti: primo, che Erik è arrivato in estate; in secondo luogo, che durante quel periodo ebbe luogo il periodo caldo medievale , un periodo di aumento delle temperature che sarebbe terminato intorno al 1300. Sebbene gli alberi non fossero abbondanti in questa regione, c’era abbastanza vegetazione per il pascolo degli animali.

Le descrizioni di Erik il Rosso di questo territorio sconosciuto diedero frutti e più di 500 islandesi si imbarcarono su 25 navi dirette in Groenlandia . Hanno portato animali domestici e tutti gli strumenti necessari per abitare questa regione. Solo 14 navi hanno raggiunto la loro destinazione, mentre le altre sono affondate durante il viaggio o sono tornate in Islanda.

Il primo insediamento vichingo in Groenlandia fu la fattoria Brattahild (“pendio ripido”), fondata su Eriksfjord (“fiordo di Erik”) nel 985.

Insediamenti vichinghi in Groenlandia.

Insediamenti vichinghi in Groenlandia

I nuovi coloni si stabilirono vicino ai fiordi, in luoghi simili a quelli della loro patria. C’erano due aree di colonizzazione sull’isola:

  • La colonia orientale , situata a sud-ovest dell’isola. Era il più popolato, ospitando circa 400 fattorie.
  • La colonia occidentale , situata più a nord e vicino a Nuuk, l’attuale capitale della Groenlandia. Su di esso sono state trovate più di 80 fattorie.

Aggiungendo entrambe le colonie, la Groenlandia raggiunse una popolazione compresa tra 3.000 e 5.000 norvegesi durante l’era vichinga. Sono stati trovati resti di chiese e un monastero. In effetti, la comunità groenlandese arrivò ad avere un proprio vescovo.

Le fattorie erano situate lontano dalla costa, in punti favorevoli all’agricoltura come l’interno dei fiordi. Sebbene i Vichinghi cercassero anche di allevare pollame, maiali, mucche o cavalli, i rigori del clima artico consentivano loro solo di allevare con successo pecore e capre . Inoltre, praticavano la caccia alle foche, alle balene e alla fauna autoctona come il caribù o le lepri artiche.

Nomi vichinghi, nomi con molto significato

L’assenza di alberi rendeva difficile la costruzione degli edifici. Oltre a importare legno dall’Europa, i coloni groenlandesi usavano anche zolle (erba), pietra e zanne, corna e ossa di animali per costruire le loro case.

Cosa cercavano i Vichinghi in Groenlandia?

L’ambizione di possedere una terra o la ricerca di una vita migliore sono le ragioni per cui i Vichinghi si sono assunti il ​​rischio di colonizzare una terra isolata e ghiacciata. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che l’Islanda, a sua volta, era un’isola di coloni. L’esplorazione era ben radicata nella cultura di questo popolo nordico, e infatti dopo la Groenlandia i viaggi vichinghi sarebbero arrivati ​​in America.

La “Terra Verde” presentava condizioni difficili per l’agricoltura o l’allevamento , ma forniva una sicura fonte di ricchezza: la caccia agli animali marini.

In effetti,  i vichinghi groenlandesi conquistarono il monopolio dell’avorio di tricheco e narvalo . Questo avorio era molto apprezzato in Europa occidentale, dove veniva utilizzato per realizzare gioielli e oggetti preziosi.

Oltre a questi materiali, in Europa si vendevano pelli di foca e d’orso, lana di pecora ed esemplari vivi di girfalchi e orsi polari. In cambio, importavano risorse essenziali come legno o ferro.

Perché gli europei hanno lasciato la Groenlandia?

Se l’arrivo dei vichinghi in Groenlandia è sorprendente, misterioso è il loro abbandono. Dopo circa 500 anni di permanenza nell’isola, gli insediamenti europei furono improvvisamente persi . L’era vichinga era già alle nostre spalle e gli storici considerano diversi fattori per spiegare il crollo della colonia norrena in Groenlandia.

Raffreddamento improvviso del tempo

A partire dall’anno 1300, la cosiddetta Piccola Era Glaciale si concluse con un periodo di alte temperature chiamato l’optimum climatico medievale (X-XIV secolo).

Il freddo sempre più estremo ha colpito non solo la vegetazione e gli animali, rendendo la vita più difficile; ha anche influenzato i viaggi per mare attraverso il ghiaccio, isolando i coloni. Ricorda che i groenlandesi dipendevano dalle risorse essenziali portate dal continente europeo.

Con il passare dei secoli, le case furono scavate più a fondo e suddivise in compartimenti più piccoli per conservare meglio il calore.

Sfruttamento eccessivo delle risorse

L’agricoltura e il bestiame hanno causato un deterioramento troppo grande in una terra arida come la Groenlandia. La caccia agli animali marini aumentava in assenza di cibo, cosa che riduceva e spaventava le popolazioni di trichechi, narvali e foche. Le carestie erano palpabili a tal punto che gli scheletri dei coloni si rimpicciolivano nel corso dei secoli.

Scontri con gli eschimesi

Gli  skræling o eschimesi trovati dai vichinghi in Groenlandia non sempre si prestavano alla pacifica convivenza. Oggetti eschimesi sono stati trovati negli insediamenti vichinghi, il che suggerisce che esistessero alcune relazioni commerciali.

Tuttavia, i conflitti armati con queste città erano frequenti . Dobbiamo distinguere tra due culture eschimesi in Groenlandia che i Vichinghi conoscevano:

  • Il Dorset , che finì per scomparire a causa dell’avanzata della Thule.
  • I Thule , antenati degli Inuit e arrivati ​​tra il 1100 e il 1300 dopo essersi espansi attraverso il Nord America dalla Siberia.

La peste nera

Non sono state trovate fosse comuni che attestino l’arrivo di questa epidemia sull’isola. Tuttavia, la peste nera ha gravemente danneggiato l’economia europea , riducendo la sua domanda di avorio di tricheco e narvalo. In questo modo crollò la redditività dell’attività economica più produttiva della colonia.

La gara dell’avorio di elefante

Uno degli effetti delle crociate fu l’apertura di nuove rotte commerciali dall’Africa e dall’Asia . L’avorio di elefante iniziò a raggiungere l’Europa più facilmente di prima, causando un calo del prezzo dell’avorio di tricheco e narvalo.

Conflitti con pirati e balenieri

Un’altra possibile causa che poteva influenzare l’abbandono delle colonie erano i possibili incontri con ‘visitatori’ occasionali. Ad esempio, i balenieri baschi e i pirati inglesi e germanici.

Ahmad Ibn Fadlan e la sua cronaca sui Vichinghi del Volga

L’ultima testimonianza scritta di un insediamento europeo in Groenlandia risale al XVI secolo. Nel 1712, il missionario danese Hans Egede arrivò sull’isola con l’intenzione di convertire i rimanenti coloni presumibilmente cattolici al protestantesimo. Tuttavia, non trovò altro che Inuit Eskimos.