Skip to content
Vichingo.top

Vichinghi in Spagna

In questo articolo presenteremo una cronologia degli attacchi vichinghi in Spagna . Molto è stato scritto sugli attacchi dei vichinghi in Inghilterra o sull’assedio di Parigi, ma la verità è che il loro campo di operazioni è andato oltre l’Atlantico.

La penisola iberica, impantanata negli scontri tra cristiani e musulmani, era un obiettivo succulento per questi saccheggiatori professionisti. Nel corso dei secoli si sono succedute diverse campagne in cui gli scandinavi hanno devastato alcune delle popolazioni più importanti dell’attuale Spagna.

 

La Spagna nell’era vichinga

Le spedizioni vichinghe in Spagna hanno avuto luogo tra il IX e il X secolo . A quel tempo, la penisola iberica era divisa tra Al-Andalus e gli antichi regni cristiani . Inizialmente, i nordici trovarono le corone delle Asturie e di Pamplona, ​​nonché il marchio ispanico, territorio dell’impero carolingio.

In attacchi successivi si sarebbero imbattuti anche nel Regno di León. Tra il primo attacco dei Vichinghi in Spagna e l’ultimo passò più di un secolo. La situazione nella Penisola non varia molto, poiché l’ultima roccaforte islamica, il Regno di Granada, cadrà solo alla fine del XV secolo.

Incursioni vichinghe in Spagna

Gli attacchi vichinghi in Spagna possono essere suddivisi in tre ondate.

844: Lungo la costa atlantica

La prima spedizione scandinava in terra spagnola ebbe luogo nell’844. Consisteva in un assalto alla costa atlantica della penisola iberica e in un successivo internamento da parte del fiume Guadalquivir.

Una grande flotta vichinga che aveva razziato il fiume Garonna (nel sud della Francia) finì per raggiungere la costa cantabrica dopo una tempesta.

Il 1° agosto, una formidabile flotta composta da un centinaio di  navi vichinghe viene avvistata al largo di Gijón . Gli scandinavi sbarcano per raccogliere l’acqua e se ne vanno senza causare alcun incidente. Giorni dopo, i nordici iniziarono a saccheggiare i villaggi nelle vicinanze di La Coruña . Infine, l’invasione termina quando le truppe di Ramiro I delle Asturie sconfiggono i Vichinghi e li costringono a imbarcarsi. Ciò si riflette nei  secondi Annali castigliani , noti anche come Annali Complutense .

Dopo la loro piccola scaramuccia a La Coruña, la flotta trova ciò che cercava a Lisbona . Questa grande città fu assediata per 13 giorni tra agosto e settembre, finché non fu inviato un esercito musulmano per espellerli . Quindi, i nordici continuarono a percorrere la costa iberica verso sud, raggiungendo il Golfo di Cadice.

Conquistarono Cadice e risalirono il fiume Guadalquivir, saccheggiando le città che trovarono e provocando grandi massacri in modo che nessuno si accorgesse della loro presenza . Più tardi, sconfissero i musulmani nella battaglia di Cabtal. Seguendo il corso del fiume, i quasi 4.000 vichinghi raggiunsero Isbiliya, Siviglia, alla fine di settembre. I sivigliani fuggirono terrorizzati a Carmona , come raccontato dal cronista andaluso Ibn al-Qutiyya nella sua Storia della conquista di al-Andalus .

Ma poche settimane dopo sarebbe arrivato da Córdoba un contingente di 16.000 uomini inviato da Abderramán II. L’emiro di Córdoba mise Musa ibn Musa al-Qasi, una delle personalità dell’epoca, a capo di questo esercito.

La reazione di Al-Andalus

I Vichinghi stabilirono una base a Tablada e divisero le loro forze in quattro gruppi. Il primo, di circa 200 uomini, attaccò Morón; il secondo, attaccò Benilaiz; il terzo attaccò Fuente de Cantos; e il quarto, che attaccò Córdoba. L’enorme esercito di Musa ibn Musa annientò il primo gruppo nella battaglia di Morón e attaccò il forte di Tablada, dove perirono mille invasori.

I musulmani catturarono e giustiziarono altri 400 invasori dopo questo confronto. La maggior parte furono decapitati e le loro teste pendevano dalle palme di Siviglia . Altri furono sepolti vivi con la testa scoperta, per essere calpestati dai cavalli. Gli andalusi, invece, hanno dato fuoco a 30 navi nordiche.

I vichinghi che riuscirono a fuggire negoziarono per consegnare i loro ostaggi e restituire il bottino in cambio di cibo, vestiti e un ritiro sulla costa, dove rimase parte della spedizione. I guerrieri malconci che riuscirono a lasciare vivi la Penisola continuarono la loro spedizione attraverso il Mediterraneo, devastando le terre bizantine e arrivando ad Alessandria.

Heimdall

I pochi prigionieri nordici che non furono giustiziati si convertirono all’Islam e si stabilirono come agricoltori . Come conseguenza dell’attacco, Abderramán II ricostruì le difese di Siviglia e ordinò la costruzione di navi per difendere la costa di Al-Andalus. Ha anche istituito un sistema di posta a cavallo per avvertire rapidamente di futuri assalti.

858-862: La spedizione di Björn Ragnarsson

La seconda incursione vichinga in Spagna fu comandata da Björn Ragnarsson, noto anche con il soprannome di Costado de Hierro . Dalla sua base sul fiume Loira, il figlio di Ragnar Lothbrok noleggiò una flotta di cento navi dirette verso la penisola iberica.

Nell’858, le barche di Björn risalirono l’estuario dell’Arosa per attaccare Santiago de Compostela , la città fortificata che assediarono. I cristiani pagano loro un tributo per andarsene, ma i nordici mantengono la recinzione. Il re Ordoño I delle Asturie invia un esercito comandato dal conte Pedro Theon, che infligge agli invasori una dura sconfitta: delle 100 navi con cui arrivarono i vichinghi, solo 62 riuscirono a fuggire.

Dopo la grave battuta d’arresto nelle terre cristiane, la flotta scandinava si diresse a sud. Un fallito sbarco sulla costa portoghese costò loro altre due navi, ma le altre 60 riuscirono a raggiungere Algeciras. Questa città fu saccheggiata e la moschea bruciata.

Successivamente si dedicarono a razziare il Nord Africa, prima di attaccare le Isole Baleari e Orihuela , attraverso il fiume Segura. Dopo essersi ritirata sulla costa francese per l’inverno, questa spedizione si diresse verso l’Italia.

La cattura del re di Pamplona

Mesi dopo, il figlio di Ragnar era tornato sulle terre spagnole. Le barche di Björn Ragnarsson risalivano il fiume Ebro, arrivando fino a Pamplona. Lì arrestarono il re García Íñiguez di Pamplona , che dovette pagare 70.000 monete d’oro per essere rilasciato.

Dopo tale successo, la seconda visita vichinga in Spagna subì una grave battuta d’arresto. Quando attraversò lo stretto di Gibilterra per tornare a casa, Björn si imbatté in una grande flotta dell’emiro di Cordova . Nella battaglia, i Vichinghi persero circa 40 navi.

Le poche navi vichinghe che riuscirono a schivare l’esercito musulmano arrivarono a casa nell’862 cariche di tesori.

966-971: L’ultima visita in Spagna

La terza grande ondata di attacchi vichinghi in Spagna iniziò nel 966. A differenza dei due episodi precedenti, questa ondata consiste in diversi tentativi di invasione .

Nel 966, 28 navi nordiche vengono avvistate ad Alcácer do Sal, vicino a Lisbona. C’è stata una battaglia navale vinta dagli scandinavi, che hanno fatto molti prigionieri. Tuttavia, una flotta musulmana di Siviglia diede loro la caccia e recuperò gran parte dei prigionieri.

Nel 968, il caudillo Gundræd (o Gunderedo) guidò una flotta di cento navi che risalirono l’estuario per attaccare Santiago de Compostela . Il vescovo Sisnando guida le truppe in difesa, che vengono sconfitte a Fornelos e perdono il loro capo.

Nei tre anni successivi, i Vichinghi saccheggiarono incontrastati i sobborghi di Santiago . Infine, il Regno delle Asturie li affrontò nel 971. Un esercito comandato dal vescovo Rudesindo e dal conte Gonzalo Sánchez si impose ai norvegesi in una battaglia in cui morì Gundræd.

Pochi mesi dopo, un folto gruppo di drakkar si avvicinò a Lisbona. Tuttavia, gli andalusi avevano imparato la lezione e li avevano intercettati unendosi alle flotte del Mediterraneo e dell’Atlantico.

Questo fu l’ultimo e frustrato tentativo dei nordici di attaccare la penisola iberica.

Insediamenti vichinghi in Spagna

A differenza di altri territori come la Francia o l’Inghilterra, i Vichinghi non ottennero un grande effetto in Spagna . Non potevano né colonizzare le terre né influenzare culturalmente.

Per molto tempo si è ritenuto che non esistessero insediamenti vichinghi in Spagna. Tuttavia, ad un certo punto in Galizia sono stati trovati resti archeologici che potrebbero essere un accampamento temporaneo per questi guerrieri scandinavi.

Nello specifico, questo possibile insediamento vichingo si trova a Os Mountillós , località vicino alla spiaggia di San Román, nel comune di Vicedo Lugo). Attualmente, un team di ricercatori sta scavando e analizzando questa enclave.

I migliori film di Vichinghi

Sebbene quello di Os Mountillós sia l’unico ritrovato, non si può escludere che vi fossero altri insediamenti vichinghi in Spagna. Tuttavia, i suoi brevi soggiorni in diverse parti della penisola iberica rendono difficile che gli indizi della sua presenza siano giunti fino ai giorni nostri.