Skip to content
Vichingo.top

The Northman: un’epopea vichinga per rivendicare il potenziale del cinema d’azione

Eggers torna con il suo fascino per il soprannaturale, la storia e il dramma familiare in un film che usa l’azione come dispositivo narrativo e non solo come spettacolo.

Noto per le sue atmosfere e l’apparente ambiguità con cui gestisce gli elementi soprannaturali nei suoi film, Robert Eggers ritorna con The Northman Questo è il suo terzo lungometraggio e la scala più grande fino ad oggi. Queste risorse si traducono in una storia più accattivante o in un senso più palpabile dell’irreale? A volte sì, altre volte meno. Ma ciò che resta è lo stile di un regista determinato a sfidare le convenzioni del genere d’azione.

In The Northman, Amleth (Alexander Skarsgård) è un guerriero vichingo che ha dovuto fuggire dal suo regno dopo che Fjolnir (Claes Bang), suo zio, ha ucciso suo padre, rapito sua madre e usurpato il trono quando era solo un bambino. Quando, anni dopo, trova l’opportunità di fingere di essere uno schiavo e di infiltrarsi nella terra del suo nemico giurato, decide di vendicarsi della vita che gli ha tolto con l’aiuto di una strega di nome Olga (Anya Taylor-Joy).

Eggers basa la trama del suo nuovo film su una storia della mitologia norrena: la leggenda di Amleth, la cui storia nasce in un poema del XIII secolo, scritto da Saxo Grammaticus , e che ha ispirato William Shakespeare a creare la sua commedia Amleto . Il regista riesce ancora una volta a convertire il significato letterario del materiale di partenza in linguaggio cinematografico. Se in The Witch – 91% ha trasformato dall’interno una giovane donna in una fanciulla diabolica, e in The Lighthouse – il 96% ha dato consistenza alle allucinazioni di una coppia di marinai, nel suo nuovo film si apre, al punto di Ascia vichinga, la ricchezza della sua mitologia tra la carne cruda e quella sanguinolenta di una storia di vendetta.

Nonostante ciò, sembra un’occasione persa che il talento del regista nel creare atmosfere sia stato relegato a poche sequenze e la sua capacità di costruire presenze soprannaturali che permeano tutta la storia sembra limitata. Contrariamente a quanto accade, ad esempio, in The Legend of the Green Knight – 95% di David Lowery , dove dimensione mistica, magia e realtà, si incastrano e traboccano di un ricco immaginario. Forse questa è la più grande differenza che i seguaci del regista trovano rispetto ai suoi lavori precedenti, anche se in nessun modo sminuisce completamente gli altri successi del film.

Un viaggio mille anni prima di 'Game of Thrones' per incontrare la principessa Nymeria: il secondo 'spin-off' fa un passo avanti

Per quanto riguarda le esibizioni, in The Northman, sono Alexander Skarsgård e Claes Bang ad avere più opportunità di suonare con dischi diversi. Il secondo, che sicuramente ricorderete come Dracula nella miniserie Netflix, è passato quasi inosservato in molte altre recensioni, ma, come si rivelano le sorprese della trama, è la sua interpretazione pudica che dà a Fjolnir sfumature oltre il crudele villain. pensiamo di sapere all’inizio del film. Ed è che in quella sequenza c’è il vero senso della favola istanti prima della battaglia finale.

L’attore principale fa vivere una furia implacabile attraverso la sua corporalità e con il senso di resistenza che trasmette, scena dopo scena, quando il suo corpo è ferito, sta fermo durante il combattimento o attraversa la natura selvaggia. Ma il suo sguardo conserva il dolore che dà origine alla sua vendetta. In termini drammatici, Skarsgård e Nicole Kidman , che interpreta sua madre, hanno i momenti migliori quando si incontrano di nuovo. L’alchimia tra i due, come entrambi avevano già dimostrato nella serie Big Little Lies – 92% , è indiscutibile.

La svolta che c’è con questo personaggio femminile, che ovviamente non riveleremo, sovverte non solo le aspettative del pubblico sulle convenzioni delle storie di vendetta, ma molte idee che abbiamo sulle donne nel mondo vichingo e sul loro ruolo in quella società. Nessuno meglio di Kidman per metterli maliziosamente sul tavolo. E qui vale anche la pena notare lo sguardo attento con cui Eggers filma i suoi attori attraverso primi piani che permettono allo spettatore di gioire del suo lavoro.

Neverless® Maglietta da uomo vintage Valhalla, casco vichingo, con stampa stampata e look usato, vestibilità slim fit Valhalla Odin Nero L
  • Un guerriero non apre il suo cuore finché non gli apre il seno. In questo caso sarebbe un vero peccato per la bellissima maglietta vintage con la stampa vichinga di alta qualità e ricca di dettagli con scritta "Valhalla".
  • La maglietta da uomo in stile vintage, lavata, è realizzata in puro cotone al 100%. Il tessuto di alta qualità è particolarmente leggero e delicato sulla pelle e offre un piacevole comfort.
  • La maglietta ha un taglio leggermente aderente con girocollo senza tempo e cuciture decorative, di alta qualità e con un design sportivo e fresco. I capi di marca di Neverless non si trovano in qualsiasi negozio di abbigliamento Streetwear online
  • Si prega di consultare la tabella delle taglie nell'immagine per aiutarti a trovare la taglia giusta per te
Vikings: 5 cose che non sapevi sull'attore che interpreta Ragnar Lothbrok
Anello da uomo con simbolo dell'Odino vichingo in acciaio inossidabile
  • Anello triplo Valknut con simbolo del cerchio delle rune, anelli del simbolo dell'Odino per gli uomini, anello dei guerrieri, anello del nodo della Trinità celtica, anello dell'amuleto, anello del simbolo dell'Odino vichingo in acciaio inossidabile da uomo
  • DIMENSIONE: Larghezza anello: 23 mm, Peso: 15,9 g. Colori: oro, colore Acciaio
  • Materiale: acciaio al titanio, acciaio inossidabile, finitura lucida, resistente ai graffi e allo sbiadimento, senza nichel.
  • Regalo: ottimo regalo per ragazzo, fidanzato, padre, marito, figlio e amici. Adatto per vacanze, affari, Halloween, Natale, compleanno, anniversario, San Valentino, matrimonio, fidanzamento o qualsiasi celebrazione.
  • Servizio di qualità: non esitare a contattarci per qualsiasi problema o domanda, faremo del nostro meglio per aiutarti, la tua soddisfazione è l'obiettivo che perseguiamo sempre.

The Northman è un mix distintivo tra un adattamento letterario e un film d’azione; tra un dramma in costume e una storia soprannaturale. L’equilibrio degli elementi avrebbe potuto essere un po’ più raffinato, ma il risultato è comunque un film come pochi altri: una storia ambiziosa che aspira ad andare oltre lo spettacolo e la verosimiglianza. Anche se muore nella battaglia per dominare il botteghino, proprio come i guerrieri che interpreta, si è meritatamente guadagnato un posto nel Vahöll del cinema d’autore. Il film è già in cartellone.

Sebbene il marketing di The Northman voglia far credere che si tratti di un’azione epica, la pubblicità è alquanto complicata. Non è che non esista, ma non è questo il punto della storia. A differenza di Gladiator o Corazón Valiente – 78% , in questo film, i combattimenti e l’esplicitezza della loro violenza non intendono essere uno spettacolo ma rivelare il crudo trauma che la brutalità del loro mondo ha lasciato su di loro. , e poi l’antagonista. In questo senso, il regista sfida la convenzione hollywoodiana dell’azione come intrattenimento e le attribuisce un significato drammatico e tematico.

La vera storia di Vikings: Valhalla, timeline, personaggi e altro

La prova di quella sfida è che Eggers continua con uno stile sobrio anche se seducente come doveva essere per avere un budget più ampio. Uno dei primi attacchi guidati da Amleth viene filmato in una sequenza che lo vede quasi sempre al centro. La stessa cosa accade nel terzo atto quando finalmente inizia il suo tormento su Fjolnir ei suoi uomini. Il regista rivela un maggiore interesse per la guerra come espressione di dominio e rabbia piuttosto che semplicemente per lo scontro di spade. Non esiste un montaggio frenetico che vanta combattimenti da piani diversi, né movimenti eccentrici della telecamera che cercano di stupire il pubblico per il semplice impatto. Questo è detto come un complimento alla moderazione di un regista che cerca di suscitare emozioni non da trucchi tecnici ma dalla narrazione e dalla gestione delle immagini.

Non ci sono dubbi quando si guarda il combattimento finale tra Amleth e Fjolinr. Una sequenza in controluce di un vulcano in eruzione e traboccante di fiumi di lava. Lì i personaggi combattono nudi, quasi sempre in campi lunghi che mettono in risalto le loro figure muscolose, così come l’ambiente che li circonda e le ferite brutali e dolorose che si infliggono a vicenda. Tutto questo per unire il senso della storia: la vendetta ha un prezzo e la rabbia si paga con la rabbia. Gli elementi dell’atmosfera, dell’azione, della mitologia e della recitazione si combinano in un climax perfetto e nello stile di un regista che cerca di andare oltre ciò che i limiti del cinema d’azione hollywoodiano più tradizionale, o piuttosto stereotipato, consentono.

Neverless® Maglietta da uomo vintage Valhalla, casco vichingo, con stampa stampata e look usato, vestibilità slim fit Valhalla Odin Nero L
  • Un guerriero non apre il suo cuore finché non gli apre il seno. In questo caso sarebbe un vero peccato per la bellissima maglietta vintage con la stampa vichinga di alta qualità e ricca di dettagli con scritta "Valhalla".
  • La maglietta da uomo in stile vintage, lavata, è realizzata in puro cotone al 100%. Il tessuto di alta qualità è particolarmente leggero e delicato sulla pelle e offre un piacevole comfort.
  • La maglietta ha un taglio leggermente aderente con girocollo senza tempo e cuciture decorative, di alta qualità e con un design sportivo e fresco. I capi di marca di Neverless non si trovano in qualsiasi negozio di abbigliamento Streetwear online
  • Si prega di consultare la tabella delle taglie nell'immagine per aiutarti a trovare la taglia giusta per te
"Vichinghi" immortala quindici personaggi della serie che esistevano nella vita reale
Anello da uomo con simbolo dell'Odino vichingo in acciaio inossidabile
  • Anello triplo Valknut con simbolo del cerchio delle rune, anelli del simbolo dell'Odino per gli uomini, anello dei guerrieri, anello del nodo della Trinità celtica, anello dell'amuleto, anello del simbolo dell'Odino vichingo in acciaio inossidabile da uomo
  • DIMENSIONE: Larghezza anello: 23 mm, Peso: 15,9 g. Colori: oro, colore Acciaio
  • Materiale: acciaio al titanio, acciaio inossidabile, finitura lucida, resistente ai graffi e allo sbiadimento, senza nichel.
  • Regalo: ottimo regalo per ragazzo, fidanzato, padre, marito, figlio e amici. Adatto per vacanze, affari, Halloween, Natale, compleanno, anniversario, San Valentino, matrimonio, fidanzamento o qualsiasi celebrazione.
  • Servizio di qualità: non esitare a contattarci per qualsiasi problema o domanda, faremo del nostro meglio per aiutarti, la tua soddisfazione è l'obiettivo che perseguiamo sempre.

A differenza delle due puntate precedenti,The Northman è una storia in cui i personaggi non fuggono né prendono le distanze dal soprannaturale. Non si sentono perseguitati da questi fenomeni, ma addirittura vengono in loro aiuto. L’incrocio tra reale e mitologico si mescola nella trama. Sono gli stessi dei che hanno messo i vichinghi in cerca di vendetta e in questo senso prendono vita. Ad esempio, quando Amleth incontra una profetessa (Björk), e in un’altra delle migliori sequenze, quando deve combattere un draugr (un non morto) per reclamare la sua spada. Tutti questi momenti aiutano a tradurre, in linguaggio audiovisivo, la sensazione di leggere, capitolo dopo capitolo, un’epopea ricca di mitologia e fantasia classica.